Principio di intesa sui recuperi, ma l’Inter ha ancora perplessità – CdS

Articolo di
3 Marzo 2020, 09:43
Marotta
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” fa il punto sulla questione calendari. La Lega Serie A ha proposto nuove date, ma l’Inter ha ancora rimostranze.

NUOVO CALENDARIO – Principio d’intesa. Prima un incontro a Roma, tra il presidente della Federazione, Gravina, e il numero uno della serie A, Dal Pino – si dice che dopo la bufera degli ultimi giorni abbia accarezzato l’idea delle dimissioni, per poi accantonarla convinto di aver agito nella correttezza -, e poi, nel pomeriggio, un altro Consiglio di Lega informale, ancora in conference call, hanno prodotto un’ipotesi di calendario per arrivare al termine della stagione. Oggi verrà esaminate nel dettaglio dai club e domani dovrà essere approvata nell’Assemblea straordinaria. E il timore che si andasse incontro ad una riunione incandescente, come è stato il primo Consiglio informale di domani, ha spinto tutte le parti coinvolte a lavorare, nella giornata di ieri, per produrre in anticipo una bozza di accordo.

WEEKEND PROSSIMO – Ci sono volute ore di contatti, colloqui e telefonate, ma i segnali indicano che si vada verso un’ampia condivisione. Non mancano i perplessi, come il Napoli, mentre l’Inter ha insistito a lungo per recuperare per prima cosa Inter-Sampdoria e le altre gare saltate della 25a giornata. Magari farà ancora un po’ di resistenza, ma alla fine sembra che pure Marotta possa a dare il via libera ad uno schema che prevede, come base di partenza, di procedere con il completamento dell’ultimo turno di campionato, il 26°, tra sabato e lunedì prossimo. Si comincerebbe con le gare sulla carta già a porte aperte, vale a dire Sampdoria-Verona e Udinese-Fiorentina. Lasciando a lunedì, tutte le altre, compresa quindi Juventus-Inter, nella speranza che, ovviamente, non vengano prolungati i blocchi o non si aggiungano altre limitazioni.

PROBLEMA INTER – Da lì in poi, si procederebbe in ordine con le altre giornate, aggiungendo un turno infrasettimanale, il 12-13-14 maggio. Mentre i tre recuperi del 25° turno (Torino-Parma, Verona-Cagliari e Atalanta-Sassuolo) verrebbero fissati per mercoledì 18 marzo, alle 18.30, con Barcellona-Napoli di Champions alle 21. Resterebbe in sospeso Inter-Sampdoria, da incastrare però in base al percorso europeo della squadra nerazzurra, oppure, alla peggio il 20 maggio, ovvero la nuova data della finale di Coppa Italia, che la Figc proverà a chiedere all’Uefa di disputare comunque all’Olimpico, ma è destinata ad essere respinta. Già, ma se la banda di Conte dovesse arrivare in finale di Coppa Italia? Allora ci sarebbe un ulteriore spostamento, al 27 maggio. Ma se l’Inter raggiungesse pure l’epilogo dell’Europa League, nuovo slittamento al 30 o al 31, giorno della finale di Champions, dove però potrebbe esserci la Juventus… Insomma, qualcosa resterà inevitabilmente in sospeso. Da via Rosellini, però, ritengono di aver fatto il massimo. Anche perché così verrebbe risolto il problema di Atalanta-Lazio, permettendo ai bergamaschi di preparare al meglio il ritorno di Champions con il Valencia.

VERSO L’ACCORDO – Come premesso, per alcune ore c’è stato il nodo-Inter. Tanto che sono stati ipotizzati pure scenari differenti. Uno dei quali prevedeva di anticipare Sampdoria-Verona a venerdì, per poi disputare lunedì Inter-Samp. A quel punto la gara in sospeso sarebbe stata proprio Juve-Inter, ma di ancora più difficile collocazione. Così, con il passare delle ore, ferma restando la contrarietà, e pure un pizzico di malumore, la rigidità del club nerazzurro si è attenuata. Anche perché nel frattempo avevano cominciato ad arrivare i primi riscontri positivi da parte delle società. E quindi tutto lascia credere che domani arrivi una fumata bianca. Attenzione, però, perché la situazione è talmente tesa che, a priori, non si può escludere nulla. Nel frattempo, dopo un altro rincorrersi di voci in giornata, tutto lascia credere che Juve-Milan, semifinale di ritorno di Coppa Italia, domani si giocherà a porte aperte, con conferma del divieto d’ingresso solo per i residenti in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. La speranza della Lega, evidentemente, è che quella limitazione, per lunedì prossimo, e quindi per Juve-Inter, venga meno.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE