Mondo Inter

Pozzo: “Germania? Vi spiego le differenze. Protocollo, quanto egoismo!”

Giampaolo Pozzo, patron dell’Udinese, intervenuto sulle frequenze di “Radio Anch’io Sport” ha detto la sua riguardo la lettera inviata alla Lega Serie A per tutelare i medici e dirigenti, la ripresa del campionato e gli allenamenti.

LETTERA – Giampaolo Pozzo inizia parlando della lettera inviata alla Serie A e spiegandone i motivi: «Lettera alla Serie A? Noi siamo sempre stati dentro la Lega e abbiamo sempre operato in correttezza. Ai tempi dell’incontro Udinese-Fiorentina a porte chiuse è successo che la Fiorentina è arrivata qui contagiata con tutti i problemi di positività, noi veniamo coinvolti e nello stesso tempo andiamo in quarantena. I nostri medici si preoccupano e vengono a sapere che non esiste una legislazione che chiarisca bene la loro responsabilità, anzi, la loro responsabilità è addirittura penale e lo è ancora oggi, quindi io difronte a una situazione del genere che non posso risolvere. Parliamo di penale e a Udine i tribunali funzionano bene noi stiamo attenti al penale. Io per tranquillizzare sia i medici che i dirigenti, escludo il sottoscritto, ho sentito il dovere di mandare questa lettera che non c’entra niente con il fatto che noi non vogliamo giocare. Noi vogliamo giocare! Ed è venuto fuori il pandemonio».

DIFFERENZE CON LA GERMANIA – Pozzo contro gli elogi nei confronti della Germania, che ha ripreso a giocare ma conta già tanti infortunati: «L’Udinese si allena con gradualità e devo ringraziare il Governo per la prudenza che sta utilizzando. I giocatori sono fermi da due mesi e mezzo e vogliono giocare, si vede questo trionfalismo della Germania, ma hanno sedici infortunati: otto solo il Borussia Dortmund. In Germania stanno giocando più o meno una partita alla settimana, nel nostro progetto significa giocare due partite a settimana. Cioè allenarci quindici giorni e giocare due partite a settimana. Cinque sostituzioni? Sono favorevole però sempre in sicurezza».

EGOISMO – Pozzo parla di egoismo nel mondo del calcio, soprattutto nella creazione del protocollo: «Nel calcio c’è una grande dose di individualismo ed egoismo, ognuno cerca di fare il furbo, anche nei protocolli qualcuno ha voluto fare il furbo e gioca con il pallone ed io ne ho le prove, ma non voglio fare polemica. Protocollo? Il primo progetto non era applicabile, i giocatori non dovevano vedere nessuno per tre mesi e pensare ad allenarsi e giocare e basta…».

RIPRESA E DIRITTI TV – Pozzo conclude dicendo la sua riguardo l’eventuale ripresa del campionato di Serie A e diritti TV: «Ripresa? Io dico a fine giugno, poi se ci sarà da spostare ulteriormente si allunga, abbiamo perso tre mesi non per capriccio. Ci mettiamo d’accordo con l’UEFA ma è meglio ragionare in quei termini lì, non possiamo fare un calendario di dodici ore invece di ventiquattro. Ci si può mettere d’accordo, si deve ragionare serenamente come la pensano i tecnici. Lo stesso ragionamento che sta facendo il Governo con il gruppo di scienziati anche se abbiamo ancora 300 morti al giorno e di questo dobbiamo tener conto».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh