Pioli: “VAR solo in caso di chiaro errore, con Hugo non doveva intervenire”

Articolo di
1 ottobre 2018, 14:45

Nel corso del suo intervento su Radio Anch’io Sport della Rai Stefano Pioli è tornato nuovamente sul rigore assegnato all’Inter dal VAR nell’infrasettimanale di martedì scorso per il fallo di mano di Vitor Hugo.

VISIONE DISTORTA – Tralasciando il fatto che la revisione dell’azione da parte del VAR è obbligatoria in caso di possibili falli di mano Pioli da una parte sostiene che la decisione dell’arbitro in campo dovrebbe essere contestata dai suoi assistenti solamente in caso di evidente errore ma dall’altra ritene però che il tocco di mano da parte di Hugo non fosse chiaro e quindi non meritevole di una review (obbligatoria per regolamento): «A noi è stato detto, o almeno io ho capito così, che si è voluto dare più centralità all’arbitro sul campo e quindi il VAR interviene a cambiare la sua decisione solamente quando è chiaramente diversa. Se ieri hanno dato il rigore a Chiesa si vede che non hanno ritenuto che fosse diversa dalla decisione che ha preso l’arbitro in campo ed è quello che io ho contestato nella nostra partita a Milano con l’Inter perché secondo me non era così ovvio il tocco di mano con i polpastrelli di Hugo da poter far cambiare la decisione all’arbitro che non aveva fischiato il rigore».







ALTRE NOTIZIE