Pigozzi (FMSI): “Ripresa? Concentrati sulla salute degli atleti, step by step”

Articolo di
26 Aprile 2020, 12:09
Nike Merlin Hi-Vis pallone Serie A
Condividi questo articolo

Fabio Pigozzi, presidente della federazione mondiale di medicina dello sport e presidente del comitato tecnico scientifico della Federazione Medico Sportiva Italiana, nel corso di un’intervista alla “Gazzetta dello Sport” ha parlato di alcuni temi legati al Coronavirus (Covid-19) e il calcio.

LO SPORTFabio Pigozzi, presidente FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana), parla della possibile ripresa dello sport in riferimento alla condizione degli atleti: «Ripresa nello sport? Noi ci siamo concentrati sull’atleta e non sull’entourage della squadra, ugualmente importante nello sport professionistico. Di fatto ci siamo trovati d’accordo nella ripresa degli allenamenti, perché qualsiasi disciplina, dal calcio alle bocce, necessita di una fase di ricondizionamento atletico. Per la ripresa ci deve essere una prima fase, prima di passare alla parte tecnica specifica. Se è vero che si ripartirà il 4 maggio, in questo periodo avremo i dati dell’evoluzione dell’epidemia che potranno essere utili per definire l’impatto nel passaggio successivo alla fase tecnica. Ho dedicato la mia vita allo sport, so che è importante che riparta altrimenti chiude, ma deve ripartire in sicurezza e per farlo ci vogliono delle regole che vengono formulate da esperti, finalizzate alla sicurezza degli atleti. In caso di nuovi atleti positivi? Innanzitutto è fondamentale applicare le linee guida per evitare i rischi da esposizione al contagio e che riguarda la squadra e tutto il contesto. Se nonostante questo si presentasse un caso, l’atleta va isolato e vanno continuati i controlli a chi continua l’attività sportiva. Il nostro pensiero è procedere step by step. Non si può far ripartire un macchina e portarla subito al massimo dei giri».

IN SERIE A – Il professor Fabio Pigozzi dice la sua riguardo la ripresa del campionato italiano: «Ripresa del campionato di Serie A? So bene che questo è alla fine il quesito a cui manager, televisioni, giocatori e presidenti chiedono una risposta. Ma voglio che sia chiaro un punto: la medicina si occupa della salute degli individui. Non porta avanti ragionamenti legati al valore economico di un avvenimento, qualunque esso sia».

Fonte: Gazzetta dello Sport.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE