Mondo Inter

Piccinini: “Eriksen? Conte a gennaio voleva uno a tutti i costi. Inter…”

Piccinini è sicuro: c’è un altro giocatore che Conte avrebbe voluto a gennaio al posto di Eriksen, ed è un nome a sorpresa. Il giornalista, nel corso di “Sky Calcio Club”, si è soffermato a lungo su temi riguardanti l’Inter: ecco tutte le sue parole.

NIENTE CRITICHESandro Piccinini lancia una frecciata: «Questa settimana non c’è stato accanimento verso Antonio Conte. Deve tranquillizzarsi, perché se l’Inter vince le partite e gioca bene avrà degli elogi, se non vince le partite e gioca male avrà delle critiche. Fa parte del gioco: capisco i discorsi del nemico a tutti i costi, ma da questo punto di vista deve rasserenarsi. I titoli dipendono dai risultati, è quello che decide il destino di un allenatore».

IN COPPA – Piccinini analizza l’intricato discorso del girone di Champions League: «Per me, mercoledì, Conte ha anche questa grandissima occasione di azzerare completamente tutti i passi falsi di inizio stagione. Se passa il turno in Champions League, dopo che in campionato abbiamo visto che è lì, azzera tutti gli errori fatti. Certamente ci vorrà anche un pizzico di fortuna, deve vincere e sperare nella vittoria di una delle due. Rischio biscotto in Real Madrid-Borussia Monchengladbach? All’inizio no, forse strada facendo. Se a metà secondo tempo Real Madrid e Borussia Monchengladbach stanno pareggiando e l’Inter vince… l’abbiamo visto tante volte. L’Inter deve vincere la sua, non preoccuparsi troppo dell’altra».

I SINGOLI – Piccinini parla di Achraf Hakimi: «Un po’ tutti lo aspettavamo, poi ha avuto qualche passaggio a vuoto. Deve fare esperienza, capire un po’ dov’è arrivato, a livello difensivo qualche errore l’ha fatto e lo farà, però il gol del 3-1 non lo fa chiunque. Christian Eriksen? Giocatori di questo tipo spesso hanno avuto problemi con gli allenatori, tutti. Non mi scandalizzo su questo, neanche sul minuto o due perché l’allenatore decide, magari per dare un segnale al giocatore. Magari è successo qualcosa, Conte può esserci rimasto male per qualche dichiarazione. Non sappiamo tutto, anche perché Eriksen a fine mese va in banca e il direttore gli dice +625.000 euro. Ha chiesto di essere ceduto, ma adesso passa l’idea che l’Inter abbia preso un pacco. Vero che Conte sicuramente voleva un altro tipo di giocatore: un mio caro amico diceva che Conte voleva a tutti i costi Franck Kessié».

ALTRO DISCORSO – Piccinini prosegue: «Ricordiamoci come è arrivato Eriksen. A gennaio 2020 era valutato settanta-ottanta milioni, l’Inter lo prese a ventisette. Dal punto di vista finanziario, voglio spezzare una lancia in favore della società: c’era anche la prospettiva di guadagnarci. Certo, visto che era in scadenza gli hanno dovuto dare un super ingaggio, sette milioni fino al 2024. Vedo solo un problema: bisogna anche salvaguardare il patrimonio della società. Adesso Eriksen dovrà essere ceduto o andare in prestito, è già svalutato dal fatto di giocare poco e niente. L’episodio delle entrate in campo a tempo scaduto getta altre ombre su di lui, si sta svalutando. Un allenatore con un minimo d’attenzione dovrebbe riflettere sul patrimonio della società. È costato poco, forse l’Inter farà una plusvalenza, però poteva essere gestita meglio».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh