Piccinini: “Cambi Inter, dubbi senza controprova. Handanovic? Ingenerosi”

Articolo di
11 Gennaio 2021, 08:47
Sandro Piccinini Sandro Piccinini
Condividi questo articolo

Piccinini valuta i cambi di Conte in Roma-Inter, mettendo qualche dubbio sulle scelte del tecnico che hanno poi portato al 2-2. Il giornalista, ospite fisso di “Sky Calcio Club”, ritiene invece che Handanovic non abbia responsabilità sull’1-0.

RIMPIANTI – Secondo Sandro Piccinini il pari di ieri all’Olimpico non accontenta nessuno: «Secondo me questa è una partita in cui tutte e due possono avere dei rimpianti. La Roma, dopo l’1-0, aveva avuto un’altra occasione con Jordan Veretout e poteva far male all’Inter. Poi si è fermata ed è venuta fuori l’Inter, già da fine primo tempo e poi nel secondo tempo. Chiaro, a cinque minuti dalla fine era in vantaggio e c’è rammarico, ma la Roma meritava il pareggio e ha avuto una grande reazione. Non so se c’è una correlazione fra i cambi di Antonio Conte: certo, Ivan Perisic per Lautaro Martinez ha fatto impressione».

PERCHÉ QUEI CAMBI? – Piccinini entra nel merito del discorso sostituzioni: «Non so le condizioni dei giocatori usciti. Magari sarebbe successo lo stesso, perché la Roma non ci stava a perdere dopo Atalanta e Napoli. Certo qualche dubbio rimane, ma non c’è la controprova: diciamo che Achraf Hakimi era in una condizione in cui sembrava veramente immarcabile. A un certo punto sembrava avere ancora gamba: è cambiato l’assetto, Conte magari ha dato un segnale negativo alla squadra con l’uscita di Lautaro Martinez. Ho visto molti commenti su Samir Handanovic, ingenerosi. La squadra si è abbassata, però ci sono anche i meriti della Roma».

GESTIONE IMPERFETTA – Piccinini arriva alla conclusione che sì, forse poteva essere fatto qualcosa di meglio: «Bisogna capire fino a che punto sono stati segnali che ha dato alla squadra, arretrando un po’. Romelu Lukaku è stato lasciato solo. Se domani dovesse rigiocare la partita nella stessa condizione magari Conte farebbe cose diverse. Lì c’è anche il discorso della mentalità, del tipo di atteggiamento. Magari mette gente che prova a giocare il pallone, anziché giocarsela sulla difensiva. Effettivamente è cambiata la partita, l’Inter ha un po’ rinunciato alla fase offensiva. Poi bisogna vedere se è stato merito della Roma, abbiamo visto che erano a tre partite in una settimana».



Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.