Per Sanchez il Ludogorets è la prima occasione di mettersi in luce – CdS

Articolo di
20 Febbraio 2020, 11:17
Sanchez
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” sottolinea come la sfida col Ludogorets sia un’occasione per Alexis Sanchez. Il cileno in questi mesi deve dare dei segnali.

BISOGNO DI GOL – Alexis Sanchez spera sia finalmente arrivato il momento di tornare a segnare con la maglia dell’Inter. Il Niño Maravilla ha una gran voglia di assaporare di nuovo la gioia della rete che gli manca dal 28 settembre, quando firmò un gol (il 2-0) e mezzo (deviazione sul tiro di Sensi, ma 1-0 assegnato dalla Lega Serie A al compagno), e ha intenzione di sfruttare l’occasione che Conte gli darà contro il Ludogorets. Ai campioni di Bulgaria ha già inflitto un dispiacere nel 2016-17 quando indossava la maglia dell’Arsenal e firmò il momentaneo 1-0 nel successo casalingo dei Gunners (6-0). Punta al bis e poi a continuare su questa strada fino al termine della stagione.

OCCASIONE – Ieri l’ex United è sembrato sereno e sorridente quando è salito sul volo diretto a Varna, l’aeroporto più vicino a Razgrad. È arrivato di nuovo il suo momento e, se in campionato non è riuscito a segnare nelle due gare nelle quali è stato schierato al posto dello squalificato Martinez (ha comunque conquistato il rigore del 2-0 a Udine e servito l’assist per il 2-2 di Vecino nel derby), adesso spera di non fallire l’appuntamento con una gioia personale tanto attesa. Per il morale, ma soprattutto per mettersi definitivamente alle spalle l’infortunio alla caviglia sinistra accusato nell’amichevole del Cile contro la Colombia e che a metà ottobre lo ha costretto a operarsi a Barcellona.

SPERANZE DISATTESE – Alexis sa benissimo che finora la stagione non è andata come aveva sperato quando ad agosto aveva accettato di indossare la maglia nerazzurra. Allora, nonostante avesse di fatto saltato tutta la preparazione con i nuovi compagni, nutriva la speranza di essere protagonista, addirittura titolare al fianco dell’amico Lukaku. L’esplosione di Martinez e il suo infortunio hanno spazzato via qualsiasi illusione e adesso, quasi a fine febbraio, si ritrova con una sola rete all’attivo e poche chance di trasformare il prestito con cui è arrivato a Milano in un trasferimento a titolo definitivo.

RISCATTO COMPLICATO – In viale della Liberazione nessuno ha dubbi sul valore di Sanchez, ma i numeri dell’operazione per acquistarlo sono proibitivi. A parte l’ingaggio da 12 milioni netti più bonus (quando partecipa alla Champions il totale può salire fino a 20…), una cifra enorme per il monte stipendi nerazzurro, c’è l’acquisto del cartellino e non sarà facile trovare un’intesa con lo United, dopo che la scorsa estate non è stata fissata per la cifra del riscatto ma si è puntato sul prestito secco. In questo momento è complicato ipotizzare che Marotta e Ausilio facciano un tentativo per comprarlo anche perché si stanno già muovendo verso altri profili a parametro zero, dal belga Mertens al francese Giroud. Alexis, però, non ha intenzione di mollare e con un grande finale di annata spera di far venire qualche dubbio ai suoi dirigenti oltre a recuperare terreno per disputare una Coppa America da protagonista. Il suo 2020-21 in un certo senso inizia a Razgrad e, dopo la falsa partenza causata dall’infortunio, non vuole più perdere tempo.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE