Mondo Inter

Pellissier: «Per Moratti non portarmi all’Inter rimpianto! C’è chi non volle»

Pellissier, ex attaccante e capitano del Chievo, ora ha fondato la Clivense che è la società che ha di fatto sostituito i veronesi, falliti in estate. Ad Amala, su Radio Nerazzurra, ricorda di essere stato vicino all’Inter per ammissione di Moratti.

IL RICORDOSergio Pellissier parla delle sue sfide in carriera con l’Inter: «Ho giocato contro giocatori di nome, fortissimi, che hanno fatto tanto. I due anni straordinari che hanno fatto col Triplete e via discorrendo, erano partite belle: 4-3, 2-1 eccetera. Il ricordo migliore, e voglio ringraziare tutti i tifosi nerazzurri, è quando sono entrato a Milano e mi hanno fatto l’applauso per la fine della carriera (maggio 2019, ndr). In un campo così, a San Siro, contro una delle squadre più importanti al mondo avere un saluto del genere mi ricordo che è avvenuto solo per Roberto Baggio e Francesco Totti. Non posso che ringraziarli, mi hanno fatto un regalo straordinario. Non mi aspettavo che l’applauso fosse per me, pensavo fosse uscito un giocatore dell’Inter. Ero fuori casa, a San Siro, dimostra che ho lasciato qualcosa: è il regalo più bello».

NERAZZURRO MANCATO – Quando Pellissier era al Chievo poteva passare all’Inter: «A detta di Massimo Moratti sì, poi io non lo so. L’episodio che mi ha fatto pensare realmente che poteva esserci un’occasione è che un giorno, che mi sono operato alla caviglia, ci siamo trovati nella stessa clinica a Pavia perché era stato operato anche Javier Zanetti. Il giorno dopo, quando sono uscito, vedo distante una persona che mi dice di aspettare: era Moratti. Mi disse: “Lo sa qual è il mio più grande rimpianto? Che non sono mai riuscito a portarla all’Inter perché il suo presidente non ha mai voluto”. Fu uno choc, non lo sapevo neanche. Una bella cosa, detta da un presidente educato e gentile».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button