Mondo Inter

Pellegrini: “Icardi? Nella mia Inter io avrei fatto così”

L’ex presidente dell’Inter Ernesto Pellegrini ha concesso una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport in cui ha toccato diversi temi legati alla sua Inter: i ricordi, San Siro e il caso Icardi

Presidente, lei da che parte sta sulla questione stadio?- “Io ragiono da milanese. Se tutto nascesse da zero, dico che sarebbe bello avere due impianti di proprietà, uno per squadra. Ma c’è San Siro, lo vede? C’è sempre stato. E’ un monumento nazionale, lì ho ammirato i migliori: è un discorso che va oltre il fattore economico. Qui c’è in ballo il cuore, non trovo necessario spendere soldi per fare altro. Piuttosto, andrebbe ristrutturato e sfruttata l’area circostante per costruire quel che si vuole. Guai a demolirlo”.

Per i club di oggi, però, l’impianto di proprietà è una delle poche vie per aumentare i ricavi. Risvolti del fair play finanziario…- “Meglio così. Sa quante squadre sono fallite perché i loro presidenti hanno fatto il passo più lungo della gamba? A me non è mai accaduto”.

Però ci sarà stato un calciatore per cui ha fatto una pazzia- “Guardi, ho sempre acquistato i calciatori che volevo, non ne ricordo uno che non sono riuscito a prendere”.

Beh, uno sì: Falcao- “Ero seduto alla destra del presidente Viola alla finale Roma-Liverpool, ricordo uno striscione ‘Pellegrini giù le mani da Falcao’. Ma le dico la verità: non era una mia idea, a volere Falcao era Mazzola. Io avevo in testa solo Rummenigge”.

E’ il calciatore a cui è più legato?- “Per me fu un simbolo, mi presentai con quell’acquisto. Allora era il più forte attaccante del mondo, perse la finale del Mondiale solo perché marcato da Bergomi. Anche se un giorno Beppe mi ha confessato ‘Ebbi vita facile perché Kalle non stava bene’. Non è vero che lo rubai alla Juve, successe con altri”.

Chi?- “Bergkamp. Loro pensavano di averlo in pugno. Io presi un aereo e andai a casa del giocatore. Tornai a Milano, mi telefonò Boniperti: ‘Sei sicuro?’. Gli risposi: ‘Mi dispiace’. E lui: ‘Sei stato bravo”.

Porti uno solo dei suoi calciatori nell’Inter attuale?- “Facciamo due. Anzi, tre: Rummenigge, Matthaus e Brehme”.

Portiamo lei nell’Inter attuale, invece. Come avrebbe gestito il caso Icardi?- “Con me non sarebbe mai successo. Io mi rifiutato di discutere di contratti durante la stagione, a chi avanzava pretese dicevo ‘ne parliamo a fine campionato’. Una volta ci provò Matthaus che aveva il Real Madrid che gli soffiava addosso. Gli spiegai e lui accettò. Avrei fatto lo stesso con Icardi”.

E con Wanda. Ha mai avuto a che fare con una moglie procuratore?- “Sì, Caterina Collovati: trattava lei per Fulvio. Si comportò benissimo, mai una parola sui giornali. Però…capisco che il mondo sia cambiato. L’arrivo di Beppe Marotta è perfetto per gestire casi simili”.

In quanto tempo l’Inter sarà alla pari con la Juve?- “Le rispondo come feci con un giornalista l’anno prima dello scudetto dei record, quando a dominare era il Milan. Dissi: ‘ Anche il prossimo anno, se riesco a prendere chi ho in mente’. Così fu. Matthaus, Brehme, Bianchi, quel matto di Nicola Berti e Diaz, che a fine anno, quando gli comunicai che avevo già preso Klinsmann al suo posto, si mise a piangere”.

A Zhang basterà acquistare bene?- “Penso che riporterà l’Inter a vincere. E’ una famiglia seria, ha voglia di investire, me l’ha detto Marotta. Ho fiducia, lui e Antonello sono due grandi manager, il futuro è loro”.

Con Spalletti allenatore e Icardi centravanti?- “Un allenatore va giudicato, oltre che dai risultati, per i rapporti che ha con i suoi giocatori. A Genova ho visto una squadra molto unita e i meriti sono pure del tecnico. Non sono così sicuro sul caso Icardi, ma in assoluto Spalletti ha gestito bene lo spogliatoio. Ha otto partite per giocarsi le sue chance”.

E Icardi?- “I tifosi vanno rispettati. E i tifosi sono arrabbiati con lui…deve recuperare il rapporto”.

Cosa sarebbe stato della sua Inter con la VAR?- “Avrei uno scudetto in più, quello poi vinto dalla Sampdoria. Eravamo campioni d’inverno, poi ci furono due partite molto strane. In Fiorentina-Inter l’arbitro Coppetelli non vide un pallone dentro di un metro, poi non diede un rigore su Battistini. A fine campionato quell’arbitro si ritirò, curioso. Poi Inter-Sampdoria, gol annullato a Klinsmann da D’Elia, che poi ne fece di tutti i colori. Le dico di più: Genova si preparava alle Colombiadi del 1992…Ecco mi basta questo per dire che la Var mi piace”.

Le è mai venuta voglia di rientrare nell’Inter, magari con una quota minoritaria?- “Ho fatto il mio tempo. E poi sono uno che nel bene e nel male decide, non potrei avere un ruolo da coprimario. Mi hanno offerto altri club, il Genoa, il Torino, il Siena…una volta Mancini venne a casa mia per convincermi a prendere la Sampdoria. Ma sono interista, non mi vedo in altri club”.

Magari le verrà voglia di partecipare a Interspac, la newsco di tifosi vip interisti- “Ho saputo di questa idea, ho dei dubbi che sia percorribile”.

Chiudiamo giocando. Il suo acquisto per il prossimo anno- “Un regista, uno alla Matteoli, alla Pirlo per intendersi. Ma preferisco sognare, sono un tifoso. Mi faccia volare: Messi”.

La Gazzetta dello Sport- Davide Stoppini

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh