Pedullà: “Icardi non ha pagato la multa, Inter tardiva con lui! Marotta…”

Articolo di
14 febbraio 2019, 00:40
Alfredo Pedullà

Alfredo Pedullà – giornalista del “Corriere dello Sport” – a “Sportitalia Mercato” su Sportitalia esprime tutto ciò che pensa sulla situazione creatasi all’Inter, che ha tolto la fascia di capitano a Icardi dopo una serie di comportamenti “familiari” poco corretti per lo spogliatoio

ICARDI ANTI-CAPITANO – Lungo intervento di Alfredo Pedullà sull’accesa questione Mauro Icardi: «Quali sono le colpe di Beppe Marotta? Penso che l’Inter abbia fatto tardivamente una scelta da prendere già dopo le prime esternazioni di Wanda Nara, una cosa insopportabile da tutti i punti di vista, anche se in alcuni casi stava facendo il suo: in TV non può parlare da agente e poi da moglie! L’Inter ha poche colpe, la verità non sta in mezzo: Icardi può restare o andare via, è anche ipotizzabile che la fascia non gli venga ridata e probabile che che si vada verso il divorzio, ma vedo poche colpe da parte dell’Inter. Che soluzione doveva trovare Marotta? La fascia di capitano devi onorarla e giustificarla con i fatti, invece Icardi ha avuto comportamenti opposti. Icardi non è un capitano che rappresenta l’Inter, che ha sopportato molto: non ha mai preso le distanze dalle parole di Wanda, i compagni di squadra non ne potevano più, perfino Marcelo Brozovic con i like sui social, non vedevano l’ora che venisse presa questa decisione dalla società, mi sembra che l’Inter abbia zero colpe. Se Wanda fa queste dichiarazioni nel Real Madrid, la portano direttamente a Saragozza: ma che roba è? Inseriscono una clausola nel contratto e alla prima parola che dice le tolgono il 30% del contratto. Quale sarebbe la colpa dell’Inter? Questi sono comportamenti che non si riconoscono in un capitano e in una persona che fa un po’ l’agente e un po’ la moglie. L’Inter ha sopportato per una vita situazioni che andavano tagliate in tempi non sospetti. Icardi non ha pagato la multa di 100.000 euro fattagli dall’Inter, mentre Radja Nainggolan sì. Non si arriva al 2021, ti accontenti di 70-80 milioni di euro e lo cedi in estate. Dopo che ti hanno tolto la fascia con una scelta giustificata dai fatti e non hai mai preso posizione contro tua moglie che va in TV a sputare veleno sulle cose dello spogliatoio, e decidi di non andare a Vienna con la squadra, ti do 200.000 euro di multa! Il senso di appartenenza alla società dev’essere diverso, paghi di nuovo e trovo uno che abbia un senso di appartenenza diverso dal tuo. La fascia non devi metterla, devi saperla indossare: Icardi ha dimostrato di non saperla indossare né ora né mai, il discorso sul cartellino da 110 milioni o meno è di lana caprina, prenderanno quanto prenderanno, finché non capirà che certe cose deve gestirle lui e non la moglie che fa l’agente. Luciano Spalletti non è stato male interpretato, se no si fa confusione, basta riascoltarlo: ha parlato di cose non di sua competenza, sono due cose diverse, parlare del contatto e del direttore che deve andare dall’agente per rinnovare. Il Real Madrid ci ha provato più di altri perché Icardi è un pallino di Florentino Perez, in passato anche il Chelsea e le altre inglesi, in Italia c’è stata la Juventus come confermato da Fabio Paratici, ma faccio fatica a vederlo lì. Spalletti è a fine avventura all’Inter, mi stupirei se non arrivasse un profilo come Antonio Conte, che da mesi sta dietro l’angolo, a meno che Spalletti non faccia una grandissima Europa League e la vince, perché se arrivasse terzo-quarto in maniera risicata non sarebbe tutto a posto per l’Inter. Il problema Icardi per l’Inter è importante, ma anche l’allenatore e tutto il resto per la prossima stagione…».

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE