Parolo non ci sta: “Nuovo DPCM penalizza calciatori! Forse c’è qualcuno…”

Articolo di
27 Aprile 2020, 15:33
Parolo
Condividi questo articolo

Parolo fa eco alle dichiarazioni del suo direttore sportivo, Igli Tare (vedi articolo), ai microfoni di “Lazio Style Channel”. Il centrocampista della Lazio è un fiume in piena e si scaglia contro il nuovo DPCM e il divieto di allenamenti di squadra fino al 18 maggio. Di seguito le sue dichiarazioni

DISSENSO – Marco Parolo non ci sta e si scaglia contro il nuovo DPCM (vedi articolo): «La notizia del divieto agli allenamenti per gli sport collettivi non ce l’aspettavamo. Vedendo che era stata concessa l’apertura dei centri per gli sport individuali, soluzione giusta per gli atleti che devono lavorare in vista di competizioni internazionali, non capisco perché noi non possiamo tornare ad allenarci nei centri sportivi che abbiamo a disposizione, che non sono luoghi chiusi nei quali si sta a contatto stretto. Non possiamo allenarci mantenendo le distanze, così non possiamo riprendere contatto con il campo e con allenamenti, restando a lavorare a casa dove affatichiamo sicuramente di più la nostra muscolatura».

ALLENAMENTI – In particolare Parolo dissente con la data di ripristino degli allenamenti di squadra: «Se il 18 maggio ci sarà l’apertura generale, non capisco perché noi professionisti non possiamo allenarci dal 4 maggio. Il Premier Conte ha detto di essere un tifoso che pensa alla ripresa, quindi non capisco perché non possiamo allenarci sul nostro campo mantenendo le distanze necessarie. Si potrà andare nei parchi ad allenarsi? Perché dovrei andarci, quando ho un centro sportivo a disposizione».

INTERESSI – Per finire Parolo chiude con una riflessione: «La categoria dei calciatori è stata penalizzata dal DPCM. Ci sarebbe anche maggior sicurezza su un campo tenuto bene sul quale non si rischiano infortuni per svolgerci, inoltre, lo stesso lavoro atletico, anche se a livello di singoli, che abbiamo svolto prima della quarantena. A Formello possiamo dislocarci su più campi. E su 12 ore di luce possiamo essere suddivisi su più orari.  Il decreto ci penalizza e forse c’è qualcuno che non vuole provare a dare il via nuovamente al campionato».

Fonte: sslazio.it


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE