Palmeri: “Comunicato Curva Nord? Umiliante commentarlo! Casino Inter”

Articolo di
5 Settembre 2019, 16:10
Condividi questo articolo

Tancredi Palmeri, giornalista di beIN Sports, ha commentato a “TMW Radio” molto duramente la vicenda riguardante i cori razzisti rivolti a Romelu Lukaku durante Cagliari-Inter, soprattutto in merito al comunicato rilasciato dalla Curva Nord dell’Inter.

UMILIANTETancredi Palmeri ha risposto a molte domande degli ascoltatori, alcune delle quali relative al mondo Inter. Tra queste una sul comunicato rilasciato dalla Curva Nord dell’Inter (qui la versione integrale) in seguito a quanto successo a Romelu Lukaku durante Cagliari-Inter: «Il comunicato della Curva Nord? Umiliante commentarlo. Ci sono delle istituzioni che hanno ufficialità: perché invece in questo discorso deve per forza conferirsi un ruolo istituzionale a chi va allo stadio? Perché dev’essere rilevante quello che dice la Curva Nord? Perché deve avere rilevanza quanto viene detto da un gruppo di persone che hanno già dei precedenti penali in questo ambito? È aberrante, non ha senso. I tifosi hanno tutti voce in capitolo per esprimere la propria opinione, ma non diventano una voce ufficiale: perché quello, allora, diventa una voce ufficiale? Tuttavia, è proprio quello che cerca la Curva Nord, e tutte le curve in generale: essere rilevanti e influenti nella dialettica».

PRESUPPOSTI ERRATI – Sempre secondo Palmeri, alla base di questo c’è un vero e proprio errore concettuale, che va ad inficiare il comportamento e l’espressione (in tutte le forme) del tifo organizzato: «Il concetto alla base del comunicato della Curva Nord è lo stesso che è alla base dei concetti espressi da ogni tifoseria: è il concetto che quello che accade in curva non dev’essere soggetto ad alcuna legge, lì comandano loro, questo è quello che trasmette quel comunicato. Il concetto alla base è “la curva è uno stato a parte, e le uniche regole che contano ce le diamo noi”. Per questo non bisognerebbe nemmeno dare pubblicità a quello che dice la Curva Nord dell’Inter con quel comunicato, ma in generale anche le altre curve quando prendono posizioni simili. Perché nel momento in cui tu li autorizzi come voce ufficiale, è come se cominciassi a riconoscere l’autonomia di uno Stato che non esiste. Ma loro, alla fine della fiera, sono persone che vanno allo stadio come tutti gli altri, a pagare per uno spettacolo. Perché quello che scrivono loro deve pesare più di quello che pensano gli altri settantamila tifosi allo stadio, perché sono più rumorosi?»

INTER: COME USCIRNE? – Infine, Palmeri non ha fatto mancare un’ideologica solidarietà alla società dell’Inter: «Ovvio che da un punto di vista di comunicazione, è un casino per l’Inter, che non può alienarsi le simpatie della Curva Nord, ma nemmeno condividere il comunicato. L’Inter ha già subito le conseguenze, anche a livello d’immagine, di quanto successo contro il Napoli, unica occasione in cui è arrivata una condanna anche dura a livello sportivo. L’Inter ha pure creato un’apposita campagna di comunicazione per contrastare quegli eventi, e adesso si ritrova nuovamente in una situazione così».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE