Palmeri: “Barcellona, precedente cabala bene all’Inter e cosa specifica no”

Articolo di
11 dicembre 2018, 00:11
Tancredi Palmeri

Tancredi Palmeri è stato ospite di “Zona 11 PM” su Rai Sport +. Il giornalista di beIN Sports ha ricordato come l’Inter sia stata già protagonista in un’ultima giornata di Champions League col Barcellona nel girone e sia andata benissimo, nonostante una sconfitta dei blaugrana.

RITORNO AL 2009«C’è una situazione che è differente: spesso al Barcellona capita di arrivare all’ultima partita essendo già qualificata ed essendo già prima, però quasi mai le capita di incontrare la seconda favorita del girone così forte che deve ancora qualificarsi. In più ci aggiungo e rilancio: almeno che io sappia sei undicesimi del Barcellona titolare dovrebbero essere sostituiti, dovrebbe è vero giocare Lionel Messi ma niente Luis Suarez, niente Philippe Coutinho, niente Ivan Rakitic, niente Sergio Busquets, soprattutto niente Gerard Piqué contro Harry Kane e dovrebbe debuttare il giovane Chumi, che magari avrà un futuro luminosissimo ma è un debutto contro Kane. Dopo la patita persa contro l’Inter il Tottenham ha fatto sedici partite: quattordici vittorie e due sconfitte, con il Manchester City e con il Barcellona, quindi vuol dire che sono veramente due squadre. Non è soltanto motivazioni e altro, è veramente una squadra estremamente temibile per tutte. C’è un precedente che come cabala dice bene all’Inter e come cosa specifica no: il Barcellona non perde mai in casa, nel 2009-2010, la Champions League che poi vince l’Inter, nella fase a gruppi perde quando la qualificazione non era ancora sicura col Rubin Kazan in casa, e quella volta rischiò di fregare l’Inter perché se non avesse segnato al 90′ contro la Dinamo Kiev sarebbe uscita per quella sconfitta. Se è l’Inter vista contro la Juventus non dovrebbero esserci problemi, se è quella vista contro Tottenham o Roma è un’altra cosa. Io non ho mai visto l’Inter perdere a Torino così a testa alta, poi al di là del fatto che nell’ultima mezz’ora è scemata e che i cambi possono essere sbagliati, però un’Inter così non me la ricordo, di solito esce da Torino sculacciata».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE