Pagliuca: “Serie A? Fossi calciatore, avrei paura a ripartire. Ma ci spero”

Articolo di
8 Maggio 2020, 09:56
Pagliuca
Condividi questo articolo

“La Gazzetta dello Sport” ha intervistato Gianluca Pagliuca, oggi allenatore dei portieri della Primavera del Bologna. Tra i tanti temi trattati, le vittorie con la maglia dell’Inter e la claudicante ripartenza della Serie A

GIOIE A PRIMAVERA – È cresciuto nelle giovanili rossoblu, ma in nerazzurro ha vissuto emozioni fortissime. Gianluca Pagliuca, oggi, è il preparatore dei portieri della Primavera del Bologna e col mese di maggio ha un feeling particolare: «Ho vinto la Coppa Uefa con l’Inter a Parigi, la Coppa Italia con la Sampdoria, ho vissuto il mio esordio in Serie A nello stesso giorno, l’8 maggio appunto, del compleanno di mio papà».

TIMORI – Il presente, purtroppo, è pieno di incertezze e Pagliuca non può sottrarsi al tema scottante di questi ultimi giorni: la ripartenza della Serie A: «Se io fossi un calciatore un po’ di paura l’avrei. Ripartirei a settembre, certamente con la speranza che nel frattempo possano trovare una cura al Covid-19. Ma aggiungo un’altra cosa: in cuor mio spero che ripartano i campionati. Sul serio. La domenica, o il sabato, di calcio mi mancano da impazzire. Pure le gare della Primavera oppure la Premier League che adoro. Se ho mai sfiorato l’Inghilterra? Nel ‘97, quando con l’Inter tornai in nazionale, mi chiese il Manchester United. Non è che dissi di no, quello a dirlo fu Massimo Moratti: Pagliuca non si muove. Poi nel ‘99 l’Aston Villa ma in Spagna anche il Deportivo la Coruña che poi vinse la Liga. Rimpianti? No: nell’Inter cominciarono a venire i top, Ronaldo per esempio».

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Matteo Dalla Vite


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE