Padovan: “Serve essere molto juventini per rovesciare realtà di Inter-Juve”

Articolo di
28 maggio 2018, 22:22
Giancarlo Padovan

Intervenuto nel corso di “Microfono Aperto” su “Radio Sportiva”, il giornalista Giancarlo Padovan ha reagito in maniera molto dura a un ascoltatore che pretendeva di far notare come, in Inter-Juventus dello scorso 28 aprile, Milan Škriniar avrebbe commesso un fallo da rigore con annessa espulsione su Gonzalo Higuaín nella circostanza del gol annullato a Blaise Matuidi. Questa la sua risposta e confutazione.

COMPLOTTO INVENTATO«Inter-Juventus? Bisogna essere molto juventini per rovesciare la realtà di quella partita. L’espulsione di Matías Vecino è un’espulsione molto severa, ancorché assegnata col VAR, quindi io credo che prima di tutto bisognerebbe discutere di quella. Siccome su quella io sono d’accordo non mi soffermo, quando però si dice che la partita sarebbe stata chiusa con l’Inter in nove si dice che bisognava dare una cosa che non è esatta. Innanzitutto voglio capire come mai sarebbe dovuto essere espulso Milan Škriniar, la seconda cosa è che comunque, seppur in inferiorità numerica, l’Inter sino a cinque minuti dalla fine era in vantaggio, quindi la superiorità numerica della Juventus non aveva portato dei benefici in quel momento. Tutto è opinabile, ma come si fa a dire che Miralem Pjanić non andava espulso oppure che prima di quell’errore ce n’è uno più grave? Intanto non è più grave, perché quello di Pjanić è stato casisticamente segnalato come un errore di valutazione dell’arbitro. In quel momento la situazione era di parità, 1-1, e a parità del numero di giocatori noi non sappiamo come sarebbe finita. Magari avrebbe potuto vincere la Juventus lo stesso, alla fine ha vinto non per l’uomo in più ma perché ha sfruttato una situazione di calcio piazzato e un autogol. Ripeto: se i tifosi juventini non dimostrano un pochino di oggettività rispetto alle cose che sono accadute sbagliano. Io ho detto e ripeto, però vedo che nessuno mi ascolta quando parlo, che lo scudetto alla fine è stato meritato e i novantacinque punti non si fanno rubando, più di così non posso dire ma non posso contravvenire alle indicazioni del campo: la mancata espulsione di Pjanić ha inevitabilmente favorito la Juventus, poteva vincere lo stesso perché ha la forza per vincere lo stesso, ma in quel frangente è stato decisamente importante».






ALTRE NOTIZIE