Oristanio: “Mi ispiro a Messi e a Sensi, ma a volte porto troppo palla”

Articolo di
5 Aprile 2020, 09:55
Gaetano Oristanio Inter-Slavia Praga
Condividi questo articolo

La “Gazzetta dello Sport” ha intervistato Oristanio. Il talento delle giovanili dell’Inter ha detto di ispirarsi a Messi e a Sensi.

DOTE MIGLIORE E DOVE MIGLIORARE – «Le mie doti migliori sono le capacità tecniche, l’uno contro uno, il dribbling. Dove devo migliorare? A volte mi intestardisco troppo a portare palla».

IDOLI – «Il mio giocatore di riferimento è Messi. Vorrei somigliargli. Nella rosa dell’Inter dico Sensi, altro piccoletto».

IL COMPAGNO – «La miglior dote di Pirola (intervistato anche lui)? Il gioco aereo, di testa è straripante»

IL TALENTO – «Il migliore con cui ho giocato? Concordo con Pirola, il migliore è Esposito: merita tutto. In nazionale dico Pirola e Panada: capacità tecniche e leadership».

L’AVVERSARIO – «Un avversario che mi ha impressionato è un brasiliano, Gabriel Veron: velocità, qualità».

PARAGONE – «Quando hanno paragonato il mio gol su punizione al Barça a quello di Messi col Liverpool un po’ sono rimasto stupito…».

DOVE TI VEDI TRA CINQUE ANNI – «Io spero fra i professionisti: l’Inter sarebbe la ciliegina. A settembre resto qui sicuramente».

PRIMO REGALO – «Col primo stipendio vero prenderò un regalo a madre e sorella»

A SCUOLA – «Diciamo zona tranquillità»

IL MIGLIORE IN FAMIGLIA – «Mio padre è arrivato in Serie C, io sono già più forte».

CON LE RAGAZZE  – «Se dicessi di no mentirei, ma non siamo assediati».

 

Fonte: Valerio Clari – La Gazzetta dello Sport


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE