Ordine: “Inter, chiari i punti deboli del Milan. Ancelotti mi ha detto…”

Articolo di
7 Febbraio 2020, 14:57
Franco Ordine
Condividi questo articolo

Franco Ordine, intervenuto a “Radio 24” nella trasmissione “Tutti Convocati”, ha detto la sua sul derby tra Inter e Milan, concentrandosi sulla condizione fisica di Zlatan Ibrahimovic e sugli aspetti chiave della sfida

A MEZZO SERVIZIOFranco Ordine ha parlato dell’imminente derby di Milano: «Non credo che Ibra possa scendere in campo sapendo di correre dei rischi, riesce ad amministrarsi durante la partita. Dosa gli scatti e le coperture, però se si allena a mezzo servizio sarà un Ibrahimovic 38enne a mezzo servizio. Quindi secondo me si abbassano ancora di più le quotazioni del Milan. L’azione dell’Inter parte solitamente da de Vrij: ci vorrà qualcuno che gli fa da schermo. Se Ibrahimovic sta così, c’è bisogno di qualcun altro che lo faccia. In questo senso potrebbe essere usato Rebic e non Leao».

IN CHIESA – Franco Ordine ha poi svelato un aneddoto con Ancelotti e parlato di Eriksen: «Qualche ora fa, parlando con Ancelotti, gli ho chiesto “Secondo te come può il Milan cercare di vincere il derby?”. Mi ha detto “Sei un pessimista, un modo c’è: andare in chiesa e pregare”. Se Conte non fa giocare Eriksen c’è una spiegazione: perché non è ancora in possesso delle password per giocare nelle sue squadre. Il calcio di Conte non è casuale, bisogna entrare nei meccanismi, sapere esattamente cosa fare. Il Milan ha apertamente i punti deboli sui due lati della difesa, Calabria e Theo Hernandez in fase di non possesso. Se si schierano quei due cavalli arrivti dalla Premier League (Moses e Young, ndr.), li si mette in difficoltà. Lì secondo me si deciderà la partita. Se l’Inter non vince questa partita, c’è da farsi qualche domanda e darsi qualche risposta».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer






ALTRE NOTIZIE