Olivari duro: “CL Inter già finita! Zhang avrà chiesto perché 20 mln a Conte”

Articolo di
18 Settembre 2019, 22:37
Condividi questo articolo

Stefano Olivari – direttore di “Indiscreto”, giornalista e tifoso interista – torna a scrivere dell’Inter in termini critici (QUI l’articolo con la bocciatura al mercato nerazzurro) dopo il mezzo passo falso in Champions League contro lo Slavia Praga

ANALISI CRITICA – Così Stefano Olivari: “La Champions League dell’Inter di Antonio Conte è appena cominciata, ma forse è già finita. L’1-1 di San Siro contro lo Slavia Praga potrebbe tranquillamente essere rimediabile, anzi è possibile che contro Barcellona e Borussia Dortmund il contismo, inteso come calcio compatto e monocorde da soldati, possa ottenere risultati migliori. Ma di sicuro Zhang senior, in una delle sue rare apparizioni dal vivo, avrà chiesto al figlio a cosa esattamente i 20 milioni lordi a stagione spesi per Conte (più l’ingaggio di Spalletti e staff) siano serviti. Nessuna sorpresa: senza intensità e standard atletici molto alti (per questo il tecnico non ama il centrocampo tutto di nani e ha riciclato Gagliardini) le squadre di Conte giocano così. Non necessariamente con il 3-5-2 (al Chelsea molto spesso teneva Hazard e Willian ai lati della prima punta, Diego Costa il primo anno e Giroud il secondo), ma sempre con la difesa a tre, due esterni di centrocampo senza grilli per la testa (meglio Asamoah di Perisic, in questa discutibile logica: ma quali geniali movimenti del 3-5-2 non si possono apprendere in tre mesi?), continui cambi di lato, verticalizzazioni con la prima punta che apre il campo ai compagni. Un gioco prevedibile, che assume un senso con pressing da bava alla bocca, ritmi alti e qualcuno che ogni tanto sappia uscire dallo spartito: nella Juve lo sapeva fare un Pirlo al lumicino, nell’Italia nessuno (e infatti giocava mediamente da cani, ma bene contro le grandi), nel Chelsea Hazard, nell’Inter questo compito è di Sensi. Che se fossero arrivati i resti di Vidal, come Conte desiderava, sarebbe in panchina… Di certo non è un problema di mentalità internazionale, anche se a 50 anni questa è per Conte soltanto la quarta coppa europea da allenatore e le precedenti tre le ha giocate malissimo, ma di caratteristiche tattiche e umane di un allenatore con una carriera ormai consistente a tutti i livelli. Uno dei migliori d’Italia, senza dubbio (a maggior ragione nel 2019, con la qualifica di ‘maestro’ che non si nega a nessuno), che comunque fa bene a rimanere se stesso e a mettere in campo l’Inter con la sua testa. Tanto fra qualche mese l’eroe da statua equestre o il grande colpevole sarà comunque lui”.

Fonte: Indiscreto.info




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.