Mondo Inter

Moratti: “Inter perfetta nel 2010. La finale di Champions League…”

Intervenuto telefonicamente a “Sky Sport 24” insieme a Diego Milito (vedi articolo) ed Esteban Cambiasso, l’ex Presidente dell’Inter, Massimo Moratti, ha parlato della magica stagione del Triplete sotto la guida di José Mourinho.

ANNATA PERFETTA – Ritrovando – seppur virtualmente – Diego Milito ed Esteban Cambiasso in collegamento con gli studi di “Sky Sport 24”, Massimo Moratti ci ha tenuto a ringraziarli per quanto fatto con l’Inter: «Sono due fantastici giocatori e amici, credo che tutti abbiamo cercato di dare il massimo per raggiungere degli obiettivi che siamo riusciti a raggiungere miracolosamente. Non è facile, è bellissimo che questi calciatori possano dare in giro tanta felicità che in questo momento è necessaria. Io non posso far altro che essere riconoscente per sempre e voler molto bene a questi ragazzi. Devo essere sincero, la mia parola miracolo non deve essere intesa come qualcosa che non si potesse raggiungere, ma come qualcosa che era talmente bella da poter raggiungere che sarebbe stata un vero miracolo. Quell’anno è stato la perfezione».

FIDUCIA – Un ringraziamento speciale, da parte di Moratti, va naturalmente anche a José Mourinho, il comandante di quella storica squadra: «Bisogna ringraziare naturalmente Mourinho per lo spirito e per la fiducia che ha saputo dare alla squadra. Quando siamo arrivati a Madrid, noi addetti ai lavori siamo entrati allo stadio pensando già di aver vinto, il che è una cosa impossibile perché in genere in una finale muori di paura. Siamo arrivati lì sapendo che sarebbe stata una festa, forse anche perché avevamo sofferto tantissimo con il Barcellona. Rivedendo la partita, guardate che uno che ti fa vincere Coppa Italia, Campionato e Champions League segnando lui e solo lui credo che sia un record mondiale, una cosa incredibile».

SENZA AGITAZIONE – Moratti ha tenuto poi, in chiusura, a ribadire il suo stato d’animo la sera della finale di Champions League: «Lo dico sinceramente, non ero agitato la sera della finale. In quei momenti lì non c’è solo una situazione emotiva, ma stai ad analizzare tutto per cercare di capire se hai sbagliato qualcosa e dove bisogna intervenire, anche all’ultimo minuto. Il mio dovere era essere presente per analizzare la situazione, fortunatamente tutto era ben fatto e devo ripetere che questi ragazzi hanno affrontato con una professionalità eccezionale tutto il percorso che han fatto. Rivedendoli in televisione, quel percorso mi sembra fantastico, hanno fatto dei grandi sacrifici e hanno strameritato di vincere e avrebbero meritato anche di più precedentemente. Ringrazio Cambiasso che ricorda anche i miei momenti di arrabbiatura, ma sono cose che capitano».

 

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh