Moggi senza vergogna: “Moratti ha colto occasione Simoni per il 1998”

Articolo di
26 Maggio 2020, 23:26
Condividi questo articolo

Infelice messaggio di Moggi nei confronti di Moratti. L’ex direttore generale della Juventus, sul suo profilo ufficiale Facebook, ha citato la morte di Simoni avvenuta venerdì scorso per attaccare l’Inter sulla stagione 1997-1998. Un’uscita di certo evitabile visto il momento.

MOGGI CONTRO MORATTI – Ancora una volta Luciano Moggi fa notizia per dichiarazioni discutibili. Questo il suo post su Facebook: “È incredibile come un uomo dello spessore di Massimo Moratti colga l’occasione della morte di Luigi Simoni per rivangare ancora una volta il caso del presunto rigore su Ronaldo e attaccare la Juventus accusandola di aver rubato lo scudetto del 1998. Considerando che la Juventus stava conducendo la gara per 1-0, qualora il presunto rigore fosse stato concesso e realizzato, la partita sarebbe terminata in parità. E siccome la Juventus era prima in classifica con un punto di vantaggio sui nerazzurri, è un po’ assurdo immaginare un’accusa simile, specie visto il comportamento dell’Inter nelle partite successive. Mi ricorda un po’ lo scudetto del 5 maggio 2002 quando l’Inter perse lo scudetto a Roma contro la Lazio, avendo già programmato la festa per la sera stessa in piazza del Duomo a Milano, e anche in quell’occasione diede la colpa alla Juventus per il suo fallimento”.




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.