Minoliti: “Wanda Nara, come può la Gazzetta volere male di Icardi e Inter?”

Articolo di
20 febbraio 2019, 01:05
Nino Minoliti

Attacco frontale di Nino Minoliti: il giornalista del quotidiano “La Gazzetta dello Sport”, ospite di “Sportitalia Mercato”, ha risposto a tono alla polemica di giornata con protagonista Wanda Nara, che se l’è presa con il giornale per un pezzo riguardante suo marito Mauro Icardi e l’Inter (vedi articolo). Queste le sue parole.

PRIMA SMENTITA«Lascio alla libera interpretazione di chiunque questo ragionamento: la Gazzetta ha storicamente fra i suoi principali acquirenti il pubblico interista, si rivolge al nostro giornale come un riferimento. Ci può essere un direttore o un qualcuno della Gazzetta che sia così sprovveduto da volere il male dell’Inter, di un suo giocatore o di Mauro Icardi? Io dico: attenzione, non scarichiamo sempre sugli altri qualche scelta non esattamente felice che facciamo noi. Io sono sicuro che Wanda Nara voglia il bene di suo marito, lo do per scontato, però non sempre per perseguire un obiettivo del genere uno azzecca tutte le mosse. Teniamo presente che Wanda Nara è un personaggio che riassume in sé parecchie figure perché è la moglie di Icardi, è la sua agente, è una influencer molto attiva sui social, è una donna di spettacolo, è un’opinionista televisiva: è tante cose, forse troppe, a me da piccolo dicevano di cercare di farne poche ma farle bene».

SECONDA SMENTITA«La Gazzetta non ce l’ha con nessuno, io il mio giornale credo di difenderlo facendo capire che cerca di informare la gente, innanzitutto, e che non ce l’ha con nessuno e tantomeno con Icardi e Wanda Nara, però valuta e deve giudicare. Il ruolo di un giornale è anche quello di esprimere un giudizio: il mio giornale non si erge a giudice di nessuno, però ha il diritto di valutare i comportamenti che compie chiunque ha a che fare col mondo dello sport, non solo Icardi e Wanda Nara. Noi cerchiamo di informare, per quelle che sono le nostre conoscenze, come fanno tutti i giornalisti del mondo, sforzandoci di essere il più onesti intellettualmente. La polemica? È una cosa venuta fuori nell’ultimo mese, io ricordo Wanda Nara in rapporti ottimi col nostro giornale, problemi zero. Abbiamo fatto un sondaggio nei giorni scorsi e l’ampia maggioranza aveva dato ragione alle scelte della società».

COME RECUPERARE IL RAPPORTO«Secondo me paradossalmente il modo per uscirne è facile: Icardi va nello spogliatoio dai suoi compagni, chiude la porta e dice “Signori sono qua, ricominciamo da capo. Azzeriamo tutto, vi chiedo scusa per quella che è la mia parte”. La fascia da capitano? Io non penso che gliela possano ridare e non dovrebbe richiederla lui, penso che se la debba riconquistare che è un altro paio di maniche. La vicenda sembra essere andata troppo avanti, però attenzione: il campionato ancora, per quello che rappresenta per l’Inter e di conseguenza per Icardi, ha ancora parecchia strada da fare, non mancano tre o quattro giornatre e tutto è deciso. C’è almeno il terzo posto da salvaguardare, c’è l’Europa League da giocare e ci sono delle situazioni che giovano all’Inter ma anche per Icardi, anche per il suo futuro. Se uno è un professionista secondo me c’è tempo ancora per sistemare, se c’è la volontà di farlo: Icardi deve guardarsi dentro se stesso, non voglio dire mettendo davanti Wanda Nara, ma deve guardare dentro se stesso e da lì trovare la decisione e risolverla».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE