Milan-Inter, derby vicino. Alcuni problemi da risolvere per i nerazzurri – GdS

Articolo di
4 marzo 2019, 11:36
Mauro Icardi Luciano Spalletti

Tra tredici giorni è in programma l’atteso derby, Milan-Inter. Periodo decisamente positivo questo per i rossoneri e di certo nero invece per i cugini nerazzurri.

NUMERI, CASO ICARDI E TONFO DI CAGLIARI – Queste le parole da parte dell’edizione odierna della “Gazzetta dello Sport” in vista del derby tra Milan e Inter e più in generale della sfida per guadagnare entrambe un posto in Champions League: “Una accelera, l’altra frena. E adesso viene il bello. Milan e Inter, in rigoroso ordine di classifica, ribaltato giusto sabato sera, sono pronte a giocarsi un lungo derby: tra due domeniche ci sarà la stracittadina vera, ma da qui al 26 maggio le milanesi correranno fianco a fianco per prendersi il ricco posto in Champions League (dove oggi entrerebbero entrambe). Il Milan adesso viaggia con il vento a favore: Gattuso nelle ultime 7 partite ha fatto 9 punti in più di Spalletti (17 contro 8) e sabato gioca in casa del Chievo ultimo in classifica, puntando a rinforzare il +1 di oggi. L’Inter, con la vicenda Icardi che non può non togliere serenità, è in evidente riserva: sembrava essersi ripresa dopo il gennaio horror, ma il tonfo di Cagliari ha rimesso tutto in discussione e la Spal domenica a San Siro è un ostacolo da superare a tutti i costi. Il cambio di passo ha ovviamente ribaltato anche lo scenario in panchina: Gattuso si è arrampicato al terzo posto e le critiche si sono spente; Spalletti, come detto spesso dai vertici dell’Inter, deve conservare il posto Champions per non correre rischi, ma l’ombra dei possibili successori è tornata sulla sua testa. E lo saliscendi tra rossoneri e nerazzurri si vede anche altrove”.

ATTACCO – “Prendiamo l’attacco: in casa Milan l’arrivo di Piatek ha dato ossigeno e soprattutto tanti gol; in casa Inter l’assenza di Maurito e l’infortunio di Keita hanno ridotto le scelte di Spalletti: Lautaro sempre titolare sta facendo il suo, ma Ranocchia centravanti di emergenza è la prova che c’è qualcosa che non va”.

DIFESA – “La risalita rossonera passa anche da una nuova stabilità difensiva: Donnarumma è la certezza, ma davanti a lui tutti sono cresciuti e nel 2019 è stato alzato un muro davanti alla porta. A proposito di muro, quello dell’Inter mostra insolite crepe: sarà solo un momento, visto che Handa è tornato negli spogliatoi ben 11 volte senza prendere gol, ma c’è bisogno dei migliori Skriniar e De Vrij“.

INFORTUNATI E TIFOSI – “Altre due voci concorrono al derby a distanza: infortuni e tifo. Dimenticato il periodo buio in autunno, il Milan sta recuperando tutti gli infortunati; l’Inter spera di riavere al più presto Keita. E il tifo? San Siro è una certezza. L’Inter ha sempre fatto il pienone, il Milan ha ritrovato euforia e numeri super: il lungo derby entra nel vivo”.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE