Mondo Inter

Materazzi: “Mourinho durante Lazio-Inter mi parla della finale. A Madrid…”

Materazzi ha concluso la sua lunga diretta Instagram con Vieri. L’ex difensore dell’Inter ha parlato a lungo della stagione del Triplete (vedi articolo), ma ha altro da raccontare soprattutto del suo rapporto con Mourinho: ecco il resto delle sue parole.

PRONTO ALL’OCCORRENZAMarco Materazzi spiega come per lui non era importante essere titolare nell’Inter del 2010: «Io non giocavo, ma ero legato a lui (José Mourinho, ndr) perché avevo un rapporto tale che sapevo il mio ruolo e avevo un’età dove dovevo gestirmi ed essere a disposizione del gruppo. In allenamento era una guerra: è quello che alza il livello, arrivavi lì e volevi vincere tutte le partitelle. A Roma vinciamo con la Lazio 0-2 il 2 maggio, poi rimaniamo lì per la finale (di Coppa Italia con la Roma tre giorni dopo, ndr). Lui viene in panchina da me e dice: “Bella la finale mercoledì eh?” Eravamo sullo 0-2 e mi dice: “La devi giocare, hai voglia?” Ho fatto l’allenamento a fine partita e sembrava che giocassi la finale di Champions League, questo fa capire la mentalità».

COMUNQUE PROTAGONISTA – Materazzi non era titolare fisso nel 2010. Tuttavia è stato fondamentale nei trionfi dell’Inter: «Ho fatto le ultime due di campionato, perché Lucio aveva qualche fastidio. Mourinho sapeva che tutti avrebbero dato il 2000%. Ho fatto tutte le partite di Coppa Italia, le ultime due quando abbiamo vinto lo scudetto e dai quarti mi aveva detto che, siccome con Bojan Krkic avrebbe messo Ivan Ramiro Cordoba perché scattante, con Mario Gomez e Miroslav Klose avrebbe messo me. Poi ho fatto dieci secondi, ma se l’è ricordato. Se non avessimo vinto? Mi ammazzavo (ride, ndr), perderne tre così è incredibile… Michael Ballack con Vratislav Gresko (al Bayer Leverkusen 2001-2002, ndr) ha perso la finale di coppa, quella di Champions League col Real Madrid e lo scudetto all’ultima giornata, poi i Mondiali con la Germania. Io solo il 5 maggio e qualche finale di Coppa Italia: ci vuole fortuna».

DAL 2010 AL 2020 – Materazzi chiude con un passaggio dall’Inter sua a quella attuale: «Quell’anno c’era il Barcellona che poteva vincere nove volte su dieci. La dimostrazione di forza l’hai data in casa a San Siro: vai sotto 0-1, se non sei forte non la ribalti mai. Noi abbiamo fatto tre gol, c’era una tensione in quella partita perché non si poteva sbagliare: se fanno il 3-2 vai a casa. Possibilità per l’Inter di ora? Stanno costruendo bene. La Juventus ha lavorato negli anni, bisogna dargli atto avendo vinto otto scudetti di fila, ma arriveremo anche noi. Quest’anno è mancato un pizzichino negli scontri diretti, però sono ancora lì. Ancora oggi penso che se riprende il campionato può succedere di tutto, sia per la Lazio sia per l’Inter. È un’altra cosa se riprende, di questo sono convinto: poi che vinca il migliore».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Place this code where you want the "Below the article_Feed" widget to render:
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh