Marino: “Difficile rinnovo Icardi-Inter, anche per profilo Suning”

Articolo di
31 gennaio 2018, 00:38
Pierpaolo Marino

Pierpaolo Marino, ospite di “Calcio & Mercato” su Rai Sport +, spara a zero su Suning e ipotizza che Mauro Icardi possa lasciare l’Inter proprio a causa della proprietà cinese. Molto negativo il suo giudizio sul gruppo guidato da Zhang Jindong.

GESTIONE PESSIMA«Purtroppo la situazione è questa, sono stati costretti a portare Marcelo Brozović al mercato che in genere è una procedura che si fa quando il giocatore è stato praticamente venduto, o quando lo si vuole far vedere sul mercato per essere offerto. Sono mosse estreme, il dubbio è sul gruppo Suning che è forte e solidissimo però devo dire in tutta onestà che la recente politica dell’Inter improntata a trincerarsi dietro il fair play finanziario non convince e mi stupisce molto. Mauro Icardi? La partita si gioca per la Champions League, io credo che ove l’Inter non dovesse andare in Champions League con il trend ultimo che ha intrapreso purtroppo, nonostante il lavoro di Luciano Spalletti, credo che un altro anno fuori dalla visibilita per la Champions League per un top player come Icardi non credo passi. Se va in Champions League e pagano la clausola va bene, ma se non va in Champions League diventa quasi un biglietto d’uscita per l’Inter, a venticinque anni non può stare ad aspettare. Io lo vedo difficile il rinnovo di Icardi, anche alla luce della politica di basso profilo di Suning. Icardi potrebbe dire di aver bisogno di giocare in una squadra che ha ambizioni e profili vincenti, non voglio dispiacere ai tifosi dell’Inter che hanno puntato tanto in Suning, ma la recente politica di Suning fa rimpiangere alla grande Massimo Moratti. Mi sembra di vedere con la nuova politica di Suning James Pallotta 2, la riscossa. È come se Walter Sabatini, bravissimo, si portasse dietro il destino di dover combattere il fair play finanziario».







ALTRE NOTIZIE