Marianella: “Inter, grandissima opportunità per vincere ora. Conte viziato”

Articolo di
11 Luglio 2020, 10:47
Massimo Marianella Massimo Marianella
Condividi questo articolo

L’Inter ha buttato via la possibilità di lottare per la Serie A, ma c’è ancora una speranza di chiudere con un titolo. Massimo Marianella, ospite di “Sky Calcio Show – L’Originale”, sottolinea come l’Europa League, dopo il sorteggio del tabellone (vedi articolo), non debba essere snobbata dalla squadra di Conte.

ATTENDERE ANCORA – Per Massimo Marianella l’Inter non deve pensare di cambiare allenatore: «Io sono un estimatore di Antonio Conte, credo che sia a oggi uno dei migliori allenatori al mondo. Però è un pochettino viziato dalle ultime esperienze che ha fatto, ed è un allenatore che certamente chiede tantissimo. A se stesso, in primis, alla società e ai giocatori. Sta avendo tutto? Non lo so, però è un pochettino viziato dal fatto di essere un allenatore straordinariamente vincente. È arrivato con delle aspettative molto elevate per un club che è tra i primissimi al mondo, con fame di tornare a vincere. Sono sorpreso fino a un certo punto».

VIETATO SNOBBARLA – Per Marianella la stagione può ancora chiudersi bene: «Noi parliamo di vincere l’anno prossimo, ma l’Inter può vincere quest’anno. Ha l’Europa League e questa mi sembra una clamorosa opportunità, per l’Inter e per Conte. Straordinario allenatore, ma in Europa non ha ancora mai vinto qualcosa di importante. Questa è una grandissima occasione, per una proprietà cinese, di vincere un trofeo internazionale e l’Europa League è difficile ma non impossibile. Oggi ha solo il Manchester United più forte».

NUOVO ACQUISTO – Marianella poi chiude sul giocatore che sta facendo più discutere nell’Inter di Conte: «Christian Eriksen è arrivato nel mercato di gennaio. Era il giocatore che serviva a questa Inter? Non ne sono sicurissimo, ma era un’opportunità talmente grande, per un giocatore importantissimo, che era imperdibile. Eriksen ha dovuto adattarsi a una situazione tattica un pochino diversa, ma era imperdibile un’opportunità del genere. Io continuo a pensare che Eriksen sia un giocatore straordinario. Sono sicuro che sta bene fisicamente, perché te lo dicono i dati che ha l’Inter, e non è vero come si sente dire tanto che non è un giocatore mobile. In Inghilterra lo era, con la Danimarca lo era: ci sono dei meccanismi che dovranno essere affilati in questa Inter, probabilmente anche la convinzione di far giocare l’Inter coi due attaccanti ed Eriksen».




© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE




Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.