Marchetti: “Inter non deprimerti, se batti il PSV passi! Zhang e Marotta…”

Articolo di
29 novembre 2018, 14:49
Luca Marchetti

Nel suo editoriale per il sito “Tutto Mercato Web”, il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti commenta la situazione dell’Inter in Champions League dopo la sconfitta contro il Tottenham

AVANTI SENZA PAURA – Questa l’analisi di Luca Marchetti: “Tutto rinviato, nei gironi più difficili Napoli e Inter dovranno sudarsi la qualificazione fino all’ultimo. Non c’è bisogno di imprese straordinarie in casa nerazzurra. Parliamoci chiaramente, non è stata un’Inter arrembante quella di Londra. Ha subito il gol della sconfitta quando forse non c’era poi così tanto tempo per recuperare. Forse avrebbe potuto avere più coraggio? Difficile contro una delle squadre più in forma della Premier. Ora però l’Inter non deve deprimersi. Intanto perché il Tottenham se vuole passare il turno deve andare a vincere a Barcellona. E non è una cosa scontata. Giusto per darvi un dato: l’ultima sconfitta Barça in casa è datata 1 maggio 2013 ovvero 5 anni e mezzo fa. Era la semifinale contro il Bayern Monaco. Da allora in 28 partite in Champions 26 vittorie e 2 pareggi. Perciò se l’Inter dovesse vincere contro il PSV Eindhoven in casa sarà ragionevolmente sicura di passare il turno. Il problema sarà arrivare a quella partita in maniera serena. Per questo non deve subire il contraccolpo psicologico e non deve ripensare troppo alla partita di Wembley. Alle porte ci sono due partite difficilissime con Roma e Juventus, entrambe fuori casa. Deve pensare a 90 minuti per volta: da queste partite passa la stagione nerazzurra, ovvero il sapore della stagione nerazzurra. L’Inter ora deve dimostrare che la crescita che c’è stata è una crescita che ha solide basi e che può proiettare l’Inter verso un campionato più frizzante, una stagione più frizzante. Per scalare quei gradini che le mancano per tornare dove Zhang vuole: fra le migliori al mondo. E per fare questo non basta l’arrivo di Beppe Marotta. Ora bisogna dimostrare sul campo (e fuori) di essere tosti. Contro squadre altrettanto toste, in qualche caso ferite. Per cominciare a raccogliere i primi frutti del lavoro di Luciano Spalletti, architetto nerazzurro. Insomma: non sono arrivate soddisfazioni. Anzi: chi pensava di poter chiudere la pratica stasera forse c’è rimasto fin troppo male. Ecco scrollatevi di dosso le negatività: il 4 per 4 si può ancora fare. Napoli e Inter non devono aver paura di nessuno”.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE