Mondo Inter

Marchetti: “Incontro Icardi-Inter, compagni spettatori interessati. Spalletti…”

Nel suo editoriale per il sito “TuttoMercatoWeb” il giornalista di Sky Sport Luca Marchetti ha parlato dell’incontro avvenuto ieri fra Mauro Icardi e Giuseppe Marotta (vedi articolo). Non ci sarebbero ancora vere e proprie aperture, ma una situazione seguita particolarmente anche dai compagni: ora però dovranno far bene in campo, con Luciano Spalletti che cerca la conferma tramite i risultati.

PRIMO PASSO – “L’incontro c’è stato, insomma. Fra Giuseppe Marotta, Mauro Icardi e Wanda Nara. Non è stato risolutivo, non ha posto le base per un immediato rientro, ma c’è stato. Ed è un piccolo seme che ora bisogna lasciar riposare per capire se germoglierà o meno. Almeno da quanto abbiamo capito non c’è stato nessun passo in avanti della società nei confronti del giocatore: la decisione sulla fascia quella è e quella rimane. Ora bisogna soltanto capire se Icardi continuerà a essere intrasigente su questo oppure no… di sicuro le provocazioni (se tali sono state, ma comunque come tali da qualcuno sono state interpretate) dovranno essere limitate. Quindi si è parlato di presente. Di tornare a giocare, di comportarsi da professionisti. Di accettare le decisioni. Non si è parlato di futuro. Non si sono delineate strategie rispetto a possibili cessioni in vista, sconti o scambi. Non era il momento, non è ancora il momento, verrebbe da dire. Bisogna affrontare un problema alla volta, in questo momento delicato. Sia per l’Inter sia per il giocatore. Bisogna essere accorti: paradossalmente non avere fretta”.

TERZI INCOMODI – “Anche perché gli spettatori più interessati di questa vicenda non sono (solo) i tifosi, ma soprattutto i compagni di squadra di Icardi. Che vogliono capire (all’immediata vigilia della partita di coppa) cosa si sono detti realmente Icardi e la società. Se la posizione della dirigenza (e quindi di Marotta) continua a essere quella di sempre oppure se qualcosa è cambiato. Ed eventualmente perché: Icardi ha fatto un passo indietro? O lo vuole fare? O lo fa la società. Premesso che il muro contro muro non aiuta nessuno, anzi penalizza entrambi, la coerenza, soprattutto nei confronti del gruppo, è altrettanto importante”.

PANCHINE ROVENTI – “Intanto l’Inter stasera è chiamata a una partita difficile, per avversario e pressione. Per riscattarsi dopo lo scivolone di Cagliari e per dimostrare che veramente è nato un nuovo ciclo. Se con Luciano Spalletti o meno dipende come al solito dai risultati, non solo dalle ambizioni. È vero che si è parlato spesso di Antonio Conte (ora anche alla Juventus, è il destino dei grandi allenatori essere concretamente corteggiati e allo stesso tempo essere nel calderone dei papabili delle squadre più importanti), come se ne è parlato per l’Inter, dove potrebbero pensare (per via della presenza di Marotta) anche a Massimiliano Allegri, e poi bisognerà capire cosa succederà concretamente alla Roma. Insomma con qualche settimana di anticipo sono partite le grandi manovre per la panchina. In questo momento siamo soltanto a idee, forse neanche ai sondaggi”.

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh