Mondo Inter

Marani: “Inter una storia natalizia, vince e convince. Esposito e Lukaku…”

L’Inter ha battuto 4-0 il Genoa, chiudendo il 2019 in vetta alla classifica insieme alla Juventus. Ecco l’analisi del giornalista Matteo Marani dagli studi di Sky Sport.

UNA FAVOLA NATALIZIA – L’Inter si regala un sereno Natale battendo nettamente il Genoa e chiudendo l’anno in vetta alla classifica. Matteo Marani analizza il poker di ieri: «È una storia natalizia di un’Inter che gioca, convince, che trova Romelu Lukaku trascinatore che sa anche sacrificarsi. L’Inter va a Natale con gli stessi punti della Juventus, lo straordinario lavoro di Antonio Conte si suggella. Nel momento più difficile l’Inter ha schiacciato il Genoa».

COSA SI ASPETTA ORA L’INTER – L’Inter è prima in classifica, ma per Marani serve che ora la società sostenga il grande lavoro di Conte intervenendo sul mercato: «Da domani l’Inter si aspetta di provarci seriamente e ci vuole una rosa adatta. Esistono i problemi fisici, il gioco di Conte pretende molto quindi in questo momento c’è bisogno di qualcosa in più. Il Napoli di Maurizio Sarri è stata la squadra in questi anni che più si è avvicinata alla Juventus, ma a gennaio non fece l’investimento che l’Inter potrebbe fare. Sarà un mercato importante, storicamente gennaio è un momento difficile per l’Inter, quindi adesso bisogna fare sul serio e conoscendo Conte credo non voglia scherzare e farsi sfuggire questa opportunità».

IL PRIMO GOL DI ESPOSITO – È stata la grande serata di Sebastiano Esposito, autore del primo gol in Serie A al debutto dal primo minuto. Marani non manca di elogiare il classe 2002: «È un’emozione potente. Fa capire cosa può provare un ragazzo a San Siro, debuttare dal primo minuto e segnare. È una rincorsa che dura da una vita, è una famiglia di calciatori, non ci può essere uno scenario migliore: San Siro, sessantamila persone, Lukaku ti lascia la palla e tu segni».

LUKAKU UOMO SQUADRA – Lukaku ancora grande protagonista non solo con i due gol e l’assist, ma anche per il rigore concesso a Esposito. Per Marani è un gesto nobile: «Si parla la stessa lingua, si parla di emozioni che il calcio può trasmettere. Lukaku è un ambasciatore in questo, riesce a essere empatico col giocatore giovane e lasciargli questa opportunità che va a scrivere questo momento bello dell’Inter. Questi gesti fanno gruppo, ti fanno sentire più forte ancora. Non c’era Lautaro Martinez quindi il suo partner è stata tutta la squadra, è un giocatore che anche da solo fa giocare tutta la squadra».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button