Mandorlini: “Scudetto Inter nel 1989 qualcosa di incredibile. Trapattoni…”

Articolo di
12 Aprile 2020, 19:57
Andrea Mandorlini
Condividi questo articolo

Andrea Mandorlini, ex difensore dell’Inter dei record di Trapattoni, è tornato a parlare in un’intervista a “Tuttosport” di quella stagione, la 1988-1989.

SCUDETTO DEI RECORD – Andrea Mandorlini, difensore dell’Inter dei record allenata da Trapattoni, ha parlato dei momenti chiave della stagione 1988-1989: «Quella stagione non era partita al meglio. Siamo stati infatti eliminati dalla Coppa Italia dalla Fiorentina a settembre. Penso che quello sia stato uno dei momenti chiave. I media attaccavano Trapattoni che fino a lì non avevano mai criticato perché alla Juventus vinceva quasi sempre. Sembrava che i risultati non arrivassero, così noi giocatori che eravamo da molto in squadra andammo da lui a dirgli di non preoccuparsi che lo spogliatoio era dalla sua parte. Da lì ci siamo compattati e abbiamo iniziato a mostrare il nostro vero potenziale. L’arrivo poi di Brehme e Matthäus fu fondamentale, ma un altro fattore davvero importante fu Ramón Díaz che non aveva iniziato bene, ma poi divenne cruciale da dicembre in poi permettendo ad Aldo Serena di segnare valanghe di gol».

SOTTO LE ASPETTATIVE – Mandorlini ha poi rivelato come in quel ciclo, la squadra nerazzurra abbia ottenuto meno di quanto avrebbe potuto: «Credo che l’Inter, forte com’era, avrebbe potuto vincere almeno altri due campionati. Il primo nel 1984-85 quando avevamo Rummenigge e Altobelli, però per diversi motivi non riuscimmo a imporci sul campo. Quell’anno vinse il Verona e ne sono contento, perché è una squadra a cui tengo molto. Anche nel 1990-91, nonostante avessimo vinto la Coppa UEFA, avremmo potuto fare meglio in campionato. Senza dubbio, però, lo Scudetto dei record è qualcosa di incredibile».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE