Mancini:”Il 2016 dovrà essere l’anno del raccolto”

Articolo di
29 dicembre 2015, 10:27

La tournèe in Qatar chiude il 2015 dell’Inter. La “Gazzetta dello Sport” riporta che Mancini ha il compito di ricompattare il gruppo dopo la Lazio, ma soprattuto c’è un messaggio chiaro per tutti: il 2016 è l’anno del raccolto.

CHIUDERE IL 2015 – Il 2015 dell’Inter si appresta a chiudersi col winter tour in Qatar, che culmina con l’amichevole col PSG. Curiosamente l’annata si è aperta col litigio Mancini-Osvaldo e si è chiusa con una serata ad alta tensione contro la Lazio. L’auspicio di tutti, ma di Mancini in particolare, è di lucchettare tutte le discussioni e concentrarsi sul 2016.

VERSO IL NUOVO ANNO – Mancini ha un messaggio chiaro per tutti i suoi: il 2016 deve essere l’anno del raccolto. Già stamattina nel primo allenamento a Doha il tecnico parlerà coi giocatori per ribadire il concetto, perchè questa tourèe da circa un milione dovrà essere lo spartiacque dell’Inter. Tutte le tensioni devono finire qui, in terra neutrale.

CASI DIVERSI – Juventus-Inter del 6 gennaio scorso decretò la fine del rapporto tra Mancini e Osvaldo, Inter-Lazio invece non dovrebbe aver messo fine all’esperienza nerazzurra di Melo e Jovetic, salvo sorprese clamorose. Il tecnico e i giocatori si sono dati appuntamento oggi sul campo, per ripartire uniti verso il grande obiettivo del 2016: ricominciare a vincere.

L’ANNO DEL RACCOLTO – Mancini non vuole più vedere certe scene extra. Va bene condividere i problemi, esprimere pareri, la personalità, ma tutto deve restare nei limiti dell’esperienza che fa crescere un gruppo. L’allenatore oggi parlerà coi soliti toni chiari e il nucleo del discorso sarà incentrato sul tornare a vincere. Scudetto, Coppa Italia, ma anche il solo paizzamento Champions. Perchè il 2016 dovrà essere l’anno del raccolto.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE