Mondo Inter

Lamouchi: “Inter, bell’esperienza con momento difficile. West affascinante”

Lamouchi ha giocato all’Inter nella stagione 2003-2004, proveniente dal Parma. L’ex centrocampista francese ora è un allenatore, e fino a inizio ottobre era manager del Nottingham Forest in Championship. Intervistato da “Il Posticipo”, ha parlato anche del suo anno in nerazzurro e delle problematiche incontrate.

PASSAGGIO RAPIDOSabri Lamouchi ammette i rimpianti per essere rimasto solo un anno all’Inter: «Certo, anche se il mio dispiacere più grande è stato aver detto no alla Juventus l’anno prima. Nel 2002 ho avuto la possibilità di trasferirmi a Torino: sulla panchina bianconera c’era Marcello Lippi. Non sono stato io a dire di no, è stato Arrigo Sacchi a farlo perché voleva trattenermi a Parma. L’anno dopo sono andato all’Inter: è stata una bellissima esperienza, ma c’era tanta concorrenza, una rosa fatta di trentadue professionisti e tanti nazionali, era molto difficile giocare».

CONTRASTO – Lamouchi dichiara di aver avuto problemi con Héctor Cuper: «Era un uomo duro. Penso che non mi volesse all’Inter fin dall’inizio, forse per questo motivo non abbiamo parlato tanto durante la stagione. È stata un’annata sfortunata però è stata un’esperienza. C’erano grandi campioni come Javier Zanetti, Christian Vieri e Fabio Cannavaro. Giocare nell’Inter è sempre bello anche se non è mai facile trovare spazio in una grande società. Ricordo il momento più difficile, quello in cui abbiamo cambiato allenatore: dopo Cuper è arrivato Alberto Zaccheroni. Mi ha colpito l’attitudine della squadra, del club, dei tifosi che sono rimasti vicini ai giocatori con la loro grande passione».

DOPPIO EX – Lamouchi all’Auxerre ha avuto a che fare con Taribo West, che proprio dal club francese si trasferì all’Inter nel 1997. L’ex centrocampista lo ricorda in maniera particolare: «Era un personaggio impressionante. Era bello prendersi del tempo e mettersi a parlare con lui: volevi capire perché fosse in quel modo. Ricordo una persona interessante che ti spingeva a parlare di religione e a pregare. West portava la parola di Dio nello spogliatoio, aveva fede e sapeva trasmetterla. Taribo giocava e parlava col cuore, era un uomo affascinante».

Fonte: IlPosticipo.it – Simone Lo Giudice

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh