Mondo Inter

Labate: “Piacere di aver conosciuto Eriksen. Inter da scudetto? Dubbi…”

Il giornalista Tommaso Labate, di fede nerazzurra, ha parlato ai microfoni di “Tutti Convocati” dell’inserimento di Christian Eriksen nell’Inter dopo la buona prova offerta ieri dal danese nella sfida di Europa League contro il Ludogorets

LA PRIMA DI ERIKSEN – Ieri Christian Eriksen ha segnato il suo primo gol con la maglia dell’Inter indirizzando la sfida di Europa League contro il Ludogorets: «Piacere di aver fatto la sua conoscenza. Io sono molto rassicurato dalle parole di Conte. Confesso che non ero entusiasta di Eriksen, prima del gol ieri dicevo che mi ricordava il miglior Kovacic, che segnò una tripletta in Europa League. Resta il fatto che vede la porta come pochi. Il problema è il paragone con Sneijder che arrivò a a San Siro in metropolitana firmò il contratto e dopo 10 minuti era in campo in un derby vinto 4-0, quando fai un esordio così è ovvio che fai un minimo di paragone. Nessuno mette in dubbio le capacità balistiche di Eriksen messe in mostra in tutte le partite che ha giocato».

L’INSERIMENTO LUNGO – Il danese sta vivendo una fase di inserimento attraverso cui sono passati anche alcuni pilastri dell’Inter a inizio stagione: «Se ricordate all’inizio della stagione Barella si è visto col contagocce, solo dopo abbiamo visto l’esplosione del talento che Conte vedeva in allenamento. Anche Lukaku nel momento dell’affaticamento alcune partite non le giocò».

INTER DA SCUDETTO? – L’Inter non è vista favorita per lo scudetto: «Io avrei dubbi su vincere lo scudetto, anche cambiando qualcosa, però Conte in questa stagione ha già dimostrato di saper cambiare. Non tanto il modulo che è abbastanza ordinario, quanto nell’approccio. Ci siamo tolti di mezzo la iattura di essere la squadra che segnava 700 gol nella prima mezz’ora salvo avere black out pazzeschi nel secondo tempo, in questo l’Inter è già cambiata, guardando per esempio la partita di ieri oil derby. Inserire Eriksen è complicato, non è come inserire in una difesa a 3 un difensore abituato a giocare a 4».

LE BIG SU LAUTARO – Le sirene delle big d’Europa stanno suonando intorno a Lautaro Martinez: «Io ho sempre difeso Lautaro Martinez. L’assalto delle grandissime ci sarà, bisognerà convincerlo di essere già in una squadra dove si possono rinverdire i fasti di una volta».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.