La Uefa ha due scenari e quattro opzioni per le coppe europee – GdS

Articolo di
15 Aprile 2020, 09:38
UEFA logo
Condividi questo articolo

La “Gazzetta dello Sport” fa il punto della questione coppe. La Uefa non ha ancora deciso, ma ha diverse opzioni.

TUTTO DA DECIDERE – Per la Champions è ancora tutto in ballo. Dallo svolgimento di tutte le partite ancora da giocare alla “final four” (la formula teoricamente più breve), tutti gli scenari sono possibili e nessuno sicuro, e così sarà almeno finché il virus terrà il mondo nelle sue mani maledette.

DUE SCENARI DI SVOLGIMENTO – Circolano voci incontrollate su un fantomatico accordo Uefa- Eca per giocare le coppe ad agosto. Voci, appunto. In attesa dell’ennesima riunione della commissione sportiva degli stakeholder (domani), la situazione resta questa: ci sono due scenari potenziali in caso di ripresa. 1) Campionati e coppe procedono in parallelo; 2) prima si giocano i campionati (entro fine luglio/inizio agosto) e poi si concludono le coppe.

QUATTRO OPZIONI – Per le coppe è ovvia una cosa: più “corto” è il calendario, più breve sarà a formula applicabile. La Uefa sta valutando quattro ipotesi di Champions. 1) Integrale, giocando tutte le 17 partire restanti (dai ritorni degli ottavi alla finale); 2) ridotta, con partite in gara secca (11); 3) final four in sede unica (11); 4) finale eight in sede unica (11).

E CHI NON GIOCA? – In agenda, al momento, anche la questione dei campionati che vogliono chiudere in anticipo senza finire la stagione: l’Uefa non può obbligarli a giocare ma potrebbe dire “no” all’ammissione nelle coppe. Tutti discorsi, al momento, teorici. Belgio e Scozia dovrebbero decidere presto se dire stop (o meno). Il 23 la Uefa ha intanto fissato un Esecutivo dopo l’incontro del giorno prima con i 55 segretari federali europei.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE