La Serie A torna ad allenarsi grazie alle regioni, Spadafora spiazzato – CdS

Articolo di
3 Maggio 2020, 09:49
Vincenzo Spadafora Serie A
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” sottolinea il ruolo delle regioni e dei governatori nella ripresa degli allenamenti di Serie A. Il ministro Spadafora è rimasto spiazzato.

SCATTO REGIONALE – Le ragioni delle regioni. Via libera agli allenamenti, in forma individuale e garantendo pienamente tutte le esigenze di tutela sanitaria. Emilia Romagna, Veneto, Campania, Lazio, Sardegna sbloccano il lockdown per le squadre professioniste. La Toscana sta decidendo, oggi potrebbe toccare alla Lombardia. Uno scatto in avanti che ha messo spalle al muro il ministro dello sport Spadafora.

DECISIONE LOCALE – Sono state dunque le regioni a cercare di disciplinare la fase 2 del calcio italiano. Si sono prese la responsabilità di sbloccare una situazione di stallo che ormai si stava prolungando troppo, con ripresa fissata al 18. Dove il governo non è riuscito ci hanno pensato i governatori. Una mossa che ha spiazzato Spadafora aprendo una crepa istituzionale.

PRIMI A RIPRENDERE – Il Sassuolo è stato il primo club di A a comunicare che domani riprenderanno gli allenamenti. Sedute individuali facoltative, per non violare l’ordinanza. Consentito l’accesso ai campi, interdetti spogliatoi e palestre. Niente staff tecnico, ma presidio sanitario. Riprenderanno anche Parma, Bologna. Dal 6 ripartono Lazio e Roma. In attesa Napoli, Cagliari, Spal, Verona, Fiorentina, Inter e Milan. Ora sta al governo uniformare la ripartenza della Serie A.

 

 


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE