La Serie A e il problema dei ritiri, ecco i casi Bologna e Napoli – TS

Articolo di
16 Maggio 2020, 10:36
Rodrigo Palacio Bologna-Atalanta
Condividi questo articolo

“Tuttosport” sottolinea i problemi logistici di alcuni club di Serie A per l’applicazione del protocollo medico sul ritiro.

PROBLEMA RITIRO – Il calcio italiano rischia di naufragare in questo mare di incertezza. E le società di Serie A hanno manifestano perplessità se non proprio dissenso sul protocollo, auspicando un sistema più snello e versatile. Uno dei nodi è legato al ritiro rigido e obbligatorio per tutti. I giocatori sono sostanzialmente contrari, ma anche i club vorrebbero continuare come ora, quindi con la possibilità di rientro a casa. Poche società infatti dispongono di strutture funzionali per applicare il protocollo.

CASO BOLOGNA – Alcune squadre sono pronte a bloccarsi. Una è il Bologna, coinvolto nel braccio di ferro tra la Lega e il cts. La prima mossa è stata quella di annullare il ritiro all’hotel Savoia già prenotato. La società non poteva spendere 10mila euro al giorno senza avere certezze e con condizioni inapplicabili. Nelle prossime ore si vedranno gli sviluppi.

CASO NAPOLI – Situazione simile a quella che rischia di vivere il Napoli. Lunedì il club avrebbe dovuto iniziare il ritiro con l’idea che la struttura a fianco al centro sportivo potesse ospitare il gruppo. Ma per riapertura dell’hotel in sicurezza secondo le norme del cts servono diversi giorni. Il Napoli è contrariato e rischia di non potersi allenare, dunque ha già presentato richiesta di deroga in modo che giocatori e staff possano effettuare la quarantena nelle proprie abitazioni. 


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE