La Lega Serie A chiede di sospendere il “Dignità” per il betting – CdS

Articolo di
28 Marzo 2020, 10:19
Paolo Dal Pino presidente Lega Serie A
Condividi questo articolo

Il “Corriere dello Sport” scrive che la Lega Serie A punta sul betting per trovare risorse. Serve però sospendere il Decreto Dignità.

RISORSE NECESSARIE – Gli investimenti delle aziende di scommesse possono dare “ossigeno” alle casse dei club di calcio italiani (oltre che a quelle dello Stato attraverso il gettito erariale), soprattutto quando sarà finita l’emergenza da Coronavirus. La Lega Serie A è a caccia di risorse per rilanciare l’intero sistema e il betting è uno dei pochi comparti che continua a crescere, almeno sul fronte online (+13,7%). Confidando nella passione degli italiani per il gioco (110 miliardi di euro di raccolta complessiva, con una spesa reale, al netto delle vincite, pari a 20 mld), la “Confindustria del pallone” vuole convincere il governo giallorosso e il ministro dello sport Vincenzo Spadafora a concedere una “finestra” di 12 mesi, all’interno del pacchetto di norme del “Decreto Dignità” (da ottobre scorso, infatti, vi è il divieto di sponsorizzare nello sport, così come di fare pubblicità sui mezzi tradizionali).

INVESTIMENTI PERSI – Complessivamente, prima dell’entrata in vigore della legge in esame, il betting, nel calcio professionistico, investiva non meno di 45 milioni di euro (di cui 30 milioni nella massima serie), senza considerare le spese pubblicitarie su tv, stampa, radio e web (in totale un budget compreso tra i 150 ed i 200 milioni di euro). In gran parte questi contratti sono svaniti nel nulla o, peggio ancora, sono stati “assorbiti” da altri mercati stranieri. Nella passata stagione (2018/19) 24 i marchi del betting hanno scelto il prodotto calcio e 17 di questi (senza considerare le sponsorizzazioni di maglia di MarathonBet, SportPesa o Eurobet) hanno investito tra i 220mila e 1,6 milioni di euro per apparire sui cartelloni pubblicitari bordocampo. Unibet, infine, oltre ad investire in Serie A ha scelto di sponsorizzare il retro maglia dei club della Serie B, con una serie di operazioni di coinvolgimento dei tifosi negli stadi della seconda divisione. Tutti marchi che potrebbero tornare in forza in caso di riapertura del mercato “scommesse” da parte dell’esecutivo Conte.

SOLDI ALTROVE – Il Decreto Dignità di fatto ha “liberato” risorse a favore di altri campionati, impoverendo proprio la Serie A (nel confronto europeo). Gli obblighi di divieto del betting, ad esempio, hanno costretto la Lazio a rinunciare a MarathonBet (5 milioni di euro per apparire sulla divisa biancoceleste). Un budget intercettato immediatamente dal calcio spagnolo. In English Premier League (EPL) il 50% delle squadre (10 club su 20) ha un’azienda di gioco online come sponsor di maglia (a cui si aggiungono altri 17 team della cadetteria inglese).


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE