Mondo Inter

Keita: “Inter, esperienza breve ma molto intensa! Sul razzismo…”

Il “Corriere della Sera” ha intervistato Keita Baldé, attaccante del Monaco ed ex di Inter e Lazio. Il nucleo dell’intervista riguarda un’iniziativa che il classe ’95 ha messo in piedi per un centinaio di lavoratori stagionali in Catalogna. Ma inevitabilmente si è finiti a parlare della sua esperienza in Italia

WELL DONE! – In nerazzurro ha lasciato un ricordo a due facce: Keita Baldé diede l’addio all’Inter con una partita strana. Quell’Inter-Empoli del 26 maggio 2019 che ha regalato la Champions League per il secondo anno di fila. In quella partita, il senegalese mise sì a referto il gol dell’1-0, ma uscì anzitempo dal campo per un rosso ai limiti dell’inspiegabile. Oggi il classe ’95 gioca nel Monaco, ma è tornato a far parlare di sé per un’altro tipo di iniziativa. Keita ha infatti procurato e pagato per un mese alloggio, vitto e vestiario per 150 lavoratori stagionali senegalesi a Llerida, in Catalogna, regione in cui l’ex Lazio è nato è cresciuto. Hotel e strutture della zona si erano rifiutati di ospitare i braccianti agricoli e l’intervento del calciatore è stato decisivo.

MEMORIES – L’iniziativa faticava a vedere la luce, e dopo che Keita è uscito allo scoperto il “Corriere della Sera” ha deciso di intervistarlo. Tra le altre cose, il classe ’95 ha ricordato con piacere la sua esperienza in Italia: «Con la Lazio sono cresciuto, ho imparato tanto e sono diventato grande. Con l’Inter è stata un’esperienza breve ma molto intensa. Calcisticamente, mi è rimasta la componente tattica italiana, soprattutto nel posizionamento senza palla».

SAY NO TO RACISM – Non solo i bei ricordi con Inter e Lazio. L’intervista di Keita tocca anche temi più delicati, come quello del razzismo sui campi italiani: «In Italia si ripresenta spesso e bisogna fare in modo che accada meno. A volte sono pochi scemi a comportarsi male. Però c’è gente cattiva, che cerca di attirare l’attenzione e non va sottovalutata. Alcuni calciatori non vengono in Italia proprio per gli atteggiamenti razzisti? Chi non vive in Italia e non conosce tutte le belle persone che ci sono da voi, può essere spaventato quando succedono certi episodi. Io mi sono trovato benissimo e non giudico un Paese per cento che sbagliano. Però, tutti insieme, dobbiamo cercare di abbassare quel numero. Futuro? Per adesso sto bene qua a Monaco, ho altri due anni di contratto. Cerco di migliorarmi tutti i giorni. E non solo dentro un campo di calcio».

Fonte: Corriere della Sera

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale
Back to top button
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro
Adblocker rilevato! Per cortesia leggi questo messaggio

Il sistema ha rilevato che stai usando AdBlock Plus un altro sistema adblocking

 

Noi non usiamo popup, flash, audio in autoplay o altri tipi di pubblicità invadenti e fastidiose

La pubblicità è l\'unico modo che abbiamo per reperire i fondi necessari al mantenimento delle infrastrutture e della redazione.

 

Per favore aggiungi www.inter-news.it alla whitelist del tuo sistema AdBlock.

Refresh