Italia under 17 in finale, Esposito: “Vivo un sogno fra Inter e Italia…”

Articolo di
19 maggio 2019, 11:34
Sebastiano Esposito Italia

Dopo l’impresa contro la Francia in semifinale, l’Italia sfiderà oggi l’Olanda nella finale dell’Europeo. A guidare l’attacco azzurro contro l’Olanda ci sarà Sebastiano Esposito, attaccante dell’Inter col dieci sulle spalle. A seguire l’intervista fatta da Vincenzo D’Angelo per la “Gazzetta dello Sport” al giovanissimo talento dell’Inter e dell’Italia under 17.

UN SOGNO – «Sto vivendo un sogno, se qualcuno ad agosto mi avesse prospettato una stagione così non ci avrei creduto. Ma ora voglio pensare solo all’Olanda: non vediamo l’ora di giocare e di dimostrare la nostra qualità».

IL CAMMINO EUROPEO – «Sapevamodi essere una squadra che poteva andare lontano, però onestamente visto il girone in cui eravamo forse era difficile pensare di poter arrivare a giocarci il titolo».

IL SEGRETO – «Siamo un gruppo vero, e non è un modo di dire. Lo siamo nei fatti e non a parole. Siamo una famiglia, ragazzi con dei valori morali importanti, non solo tecnici. Abbiamo fame e ci sacrifichiamo l’uno per l’altro».

CECCHINO DA FERMO – «Ho realizzato 10 gol in stagione da calcio di punizione tra Nazionale, U17 e Primavera dell’Inter. Certe cose le hai dentro per natura e io sono stato fortunato. Devo ringraziare mister Zanchetta, in un anno e mezzo con lui sono migliorato molto. Ogni allenamento di rifinitura restavamo a calciare e lui mi ha fatto capire come colpire meglio la palla, dargli più giro e più forza».

ESORDIO IN PRIMA SQUADRA – «Non me lo aspettavo, è stata l’esperienza più emozionante della mia vita. Ero in Nazionale e il nostro responsabile Samaden (dell’Inter, ndr) mi ha chiamato per avvisarmi che Spalletti mi avrebbe convocato. Poi quando il mister si è avvicinato e mi ha detto “scaldati” il cuore ha cominciato ad andare a mille all’ora. Ho coronato un sogno, ma quella notte per me sarà sempre un punto di partenza e non di arrivo. In campo non ho realizzato bene cosa stava succedendo, poi la notte però non ho dormito».

GRAZIE A DANILO – «Devo ringraziare D’Ambrosio che in passato è stato allenato da mio papà alla Juve Stabia: mi ha preso a cuore come un fratello. Poi da attaccante dico Icardi: è impressionante, formidabile, unico».

CALCIO IN FAMIGLIA – «Siamo cresciuti a pane e pallone, la famiglia è la cosa più importante della vita, siamo molto legati. Però oggi non verrà nessuno perché sono scaramantico, e in caso di sorprese meglio scoprirlo alla fine».

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE