Inter, servono i gol di Lukaku: il belga è a secco da un mese – CdS

Articolo di
20 ottobre 2019, 10:59
Lukaku

Il “Corriere dello Sport” sottolinea che all’Inter serve il miglior Lukaku. Il belga deve aumentare le sue reti: non segnava così poco dal 2014-2015. 

RESPONSABILITA’ – Senza Alexis Sanchez il peso dell’attacco nerazzurro graverà in gran parte sulle spalle di Romelu Lukaku perché, se è vero che Conte si aspetta parecchio da Martinez (in crescita contro Barcellona e Juventus) e da Politano (si sta sacrificando in un ruolo non suo), è inevitabile che le reti per restare nei quartieri alti della classifica vengano chieste soprattutto al belg. Il fiore all’occhiello dello scorso mercato interista., l’acquisto più costoso della storia dell’Inter.

NUMERI DA MIGLIORARE – L’ex bomber dello United ha un grande desiderio di rispondere presente, di mettere con maggiore frequenza il suo nome del tabellino dei marcatori. Finora il bilancio non è stato negativo perché ha firmato 3 gol in 7 giornate di A dovendo per giunta convivere con acciacchi fisici assortiti (alla schiena e a un quadricipite), con l’adattamento a un nuovo campionato e con una preparazione fisica non sul livello di quella dei compagni (ha saltato tutta la prima parte, quella allo United, per forzare il trasferimento a Milano). Ma Conte e i tifosi si aspettano comunque di più. Non tanto perché deve raccogliere l’eredità di Icardi, che di reti all’Inter ne ha fatte oltre 20 di media a stagione, ma soprattutto perché in carriera Romelu ha sempre avuto partenze migliori rispetto a quella attuale.

INIZI MIGLIORI – Lukaku è un animale da gol, non a caso è il miglior marcatore della storia del Belgio (51 centri) e in Premier League tra i cannonieri in attività è il quarto di tutti i tempi (alle spalle di Rooney, Agüero e Kane). Proprio perché ha abituato gli addetti ai lavori a certi numeri, il numero 9 è chiamato ad aumentare il suo rendimento sottoporta. Agli amanti delle statistiche non sarà sfuggito un “particolare” non certo secondario: per trovare nella sua carriera un inizio di campionato meno prolifico bisogna tornare indietro al 2014-15 quando nelle prime 7 giornate aveva firmato 2 reti contro West Bromwich e Crystal Palace. Nel 2015-16 aveva lasciato il segno 4 volte, nel 2016-17 i gol erano stati 5, nel 2017-18 addirittura 7, ma anche in un 2018-19 tutt’altro che memorabile era già a 4. Ma c’è di più: pure nel 2013-14 era partito meglio con 4 centri nonostante il passaggio dal Chelsea all’Everton e appena 5 gare disputate su 7.

UN MESE SENZA GOL – L’ultimo gol nell’Inter Romelu lo ha firmato nel derby del 21 settembre. Da allora, complice lo stop per infortunio e la sosta, è passato quasi un mese senza esultanze. Troppo tempo per un bomber come lui. Rispetto a due settimane fa, però, adesso l’attaccante di Anversa sta meglio e negli ultimi giorni ha dato discreti segnali in allenamento. Contro il Sassuolo vuole confermare queste indicazioni e poi non fermarsi più. A Reggio potrà contare anche sul fattore… trasferta dove finora ha firmato 2 gol su 3.

Condividi questo articolo

Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer





ALTRE NOTIZIE