Inter, per arrivare a Modric servono buoni rapporti col Real – GdS

Articolo di
8 gennaio 2019, 11:21

L’operazione Luka Modric si gioca anche sui buoni rapporti tra l’Inter e il Real Madrid. La “Gazzetta dello Sport” sottolinea come costruire legami diplomatici sia fondamentale tra top club.

SPERANZA VIVA – L’Inter ormai da mesi convive con l’affascinante idea di vedere Luka Modric in nerazzurro prima o poi. Ma dopo le peripezie dello scorso agosto in corso Vittorio Emanuele gli umori cambiano con frequenza. I vertici interisti non intendono indispettire Florentino Perez, il presidente che in estate ha mosso mari e monti per tenersi stretto il suo Pallone d’Oro ed imporre le ragioni del suo club.

BUONI RAPPORTI – Quel dossier inviato alla Fifa pesa ancora. Non tanto per gli effetti pratici, ma perché quest’Inter ambiziosa ci tiene ad entrare nei salotti che contano del calcio europeo senza rompere la cristalleria. L’obiettivo è quello d’intrattenere relazioni più che amichevoli con le grandi e il Real Madrid evidentemente è al top. Questa partita insomma è molto delicata dal punto di vista diplomatico. La posta in palio va oltre l’operazione: Modric è un numero uno, ma la crescita del club ha logiche più ampie.

DIPLOMAZIA – Steven Zhang e Marotta ne sono consapevoli. Anche perché l’ad viene dall’esperienza juventina di Cristiano Ronaldo. I rapporti si basano di sicuro su intrecci economici, ma allo stesso tempo si poggiano sul fair play. Tra potenti gli sgarbi non sono ammessi. Le speranze nerazzurre di arrivare a Modric sono legate alla bontà della strategia di avvicinamento.

SEGNALI TRA CLUB – Nel caso del croato infatti Perez nei mesi scorsi ha alzato una vera e propria cortina fumogena nei confronti dei rappresentanti del giocatore. Una tattica astuta per indebolire la posizione della sua stella. In estate Modric si aspettava il via libera come segno di riconoscenza, ma non è stato accontentato. Anzi, la prova di forza di Perez puntava ad un facile e ricco rinnovo. Con orgoglio invece Luka ha resistito. E ora viene il bello. In silenzio l’Inter deve solo aspettare e mandare segnali di amicizia a Madrid.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE