Inter, il problema è a centrocampo: quanti errori! – GdS

Articolo di
17 gennaio 2016, 08:02
Marcelo Brozović

Secondo un’analisi condotta dalla “Gazzetta dello Sport”su Atalanta-Inter, il problema del cattivo gioco dell’Inter sta nel centrocampo troppo sbadato e poco preciso

BROZOVIC – “L’imprecisione dei centrocampisti è la ragione di un gioco che non decolla. E i numeri sostengono questa tesi. Il nerazzurro che tocca più palloni è Brozovic: 102. I passaggi totali sono 76, ma ben 16 di questi sono sbagliati. E a questo dato vanno aggiunti i 22 palloni persi, davvero troppi per un centrocampista che dovrebbe costruire azioni su azioni. È vero che corre molto, è vero che si muove su tutto il fronte, ma è altrettanto vero che il numero degli errori condiziona la sua prestazione”.

GUARIN E LJAJIC – “Non che Guarin faccia meglio: 14 palloni persi. Il che significa consegnarsi al contropiede degli avversari che rubano tempo e spazio all’Inter e corrono a spaventare HandanovicLjajic, che si muove da trequartista e la sua missione dovrebbe essere teoricamente quella di fare da trait d’union tra centrocampo e attacco, non brilla quando deve gestire la sfera: 19 palloni persi. Certo, il fantasista serbo prova sempre a puntare l’avversario diretto e a superarlo, ma ciò che gli manca è l’imbeccata finale”.

PASSAGGI ELEMENTARI – “Altro dato da analizzare: l’Atalanta, con il 43,6 per cento di possesso e con il baricentro molto basso arriva a tirare 15 volte. L’Inter, invece, con il 56,4 per cento di possesso e con il baricentro alto effettua soltanto 9 tiri. Ciò significa che va bene avere il pallone tra i piedi, ma poi bisogna sapere che cosa si deve fare con l’attrezzo. Se i centrocampisti nerazzurri si limitano a passaggi elementari, raramente profondi e quasi mai smarcanti nell’area avversaria, come si può pensare di mettere i brividi al portiere dell’Atalanta?”

SOLUZIONE – “C’è un solo modo quindi per fare il salto di qualità: puntare di meno sulle potenzialità (presunte) dei singoli e di più sulla coralità del gioco. Altrimenti il futuro non sarà né nero, né azzurro, ma molto grigio”.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE