Inter, ecco i motivi per ripartire alla grande dopo la quarantena – GdS

Articolo di
9 Aprile 2020, 09:17
Esultanza Inter
Condividi questo articolo

“La Gazzetta dello Sport” ha fatto il punto della situazione, in casa Inter, in vista di un’ipotetica ripartenza dopo il 3 maggio. Tutti i calciatori saranno super motivati, dopo mesi senza calcio. Ma alcuni hanno nel mirino obiettivi importanti, diversi, fondamentali. Conte potrà sfruttare una leva emotiva in più

STIMOLI – Nei primi tempi del nuovo inizio non ci sarà bisogno di motivazioni. Il ritorno al calcio, per chi vive di calcio, basterà. Ma quando giocare – si spera – tornerà a essere routine, avere stimoli supplementari, personali, potrà essere un acceleratore. Certo, Antonio Conte ne fornisce a sufficienza, ma in casa Inter se ne possono pescare anche altrove. Qualcuno ha avuto tempo per capire che nel finale dovrà costruirsi un futuro, altri vorranno riannodare un filo interrotto, un gruppo inizierà la rincorsa all’Europeo: la strada è più lunga, non ci sono rimonte impossibili.

GARRA CHARRÚA – Sospesi: lo sono stati tutti. Qualcuno più di altri, perché il futuro è tutto da scrivere. Giocare con l’Inter per guadagnarsi l’Inter. Se il nucleo base è ormai definito e futuribile, c’è chi resta in bilico. Diego Godin e Matias Vecino sono i nomi più grossi. Con lo Sceriffo non è scoccata la scintilla, Diego sa che l’ultimo spicchio d’annata definirà luoghi e modi della sua ripartenza, qui o altrove. Vecino vive sull’ottovolante da quando è nerazzurro: picchi da eroe, discese da comparsa. In più ha mercato, le prossime 13 gare possono cambiarne il futuro.

CONFERME CERCASI – Kwadwo Asamoah avrà voglia di dimostrare di poter essere ancora giocatore, Roberto Gagliardini di meritarsi un posticino. Poi ci sono i prestiti: quasi impossibili i riscatti di Cristiano Biraghi e Alexis Sanchez, più che probabile quello di Victor Moses. Il nigeriano deve però confermare ciò che si è intravisto nelle sue prime settimane milanesi. Alexis ha un enorme bisogno di rilanciare la sua carriera, motivo per cui aveva scelto l’Inter. Il destino di Biraghi sembra il ritorno alla Fiorentina, ma per l’entusiasmo con cui era tornato ad Appiano non se ne andrà senza lottare.

AZZURRI – In più il terzino è stato titolare in due delle ultime tre gare dell’Italia di Roberto Mancini. E qui apriamo un altro file “obiettivi”: lo slittamento dell’Europeo all’estate 2021 è destinato a riaprire tutte le gerarchie azzurre, con possibilità di nuovi inserimenti di giovani. Nicolò Barella, uno sicuro del posto in caso di Euro nel 2020, ora dovrà difenderlo. Stefano Sensi punterà a recuperare il terreno perso con gli infortuni. Ma le prospettive sono davvero cambiate soprattutto per Alessandro Bastoni: mai chiamato fino ad oggi, si sarebbe difficilmente inserito in estate. Ma con un anno in più davanti, giocarsi l’Europeo diventa opzione credibile.

TOP PLAYERChristian Eriksen il posto nella Danimarca ce l’ha garantito finché non deciderà di dire basta. Il suo ruolo nell’Inter è meno stabile, i prossimi mesi devono essere sfruttati per riguadagnare il centro della scena: per non buttare via questa stagione, iniziata da separato in casa al Tottenham, e per mettere le basi per la prossima. Per Lautaro Martinez e Romelu Lukaku, invece, lo stop ha messo il tappo a un’annata esplosiva. Il Toro stava vivendo quella che gli americani definiscono la “breakout season”, l’annata dell’auto-inserimento fra le stelle mondiali, Romelu aveva subito dimostrato di poter essere leader. Vorranno ricominciare da lì e dai numeri, che agli attaccanti piacciono sempre. Per Martinez è già la miglior stagione della carriera, ma va arrotondata. Per il belga è più che abbordabile il primato di gol in stagione (27 nel 2017-18, siamo a 21) e possibile quello in un campionato (25 nel 2016-17, siamo a 17). Gol e record non sono tutto, ma aiutano.

Fonte: La Gazzetta dello Sport – Valerio Clari


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE