I tifosi dell’Eintracht invadono Milano: corteo mai visto – GdS

Articolo di
15 marzo 2019, 10:36
Tifosi Eintracht Francoforte

L’Eintracht Francoforte si è presentato a San Siro con una cornice di pubblico mai vista. La “Gazzetta dello Sport” racconta l’invasione di tedeschi vista a Milano per la sfida con l’Inter.

INVASIONE TEDESCA – Tantissimi e rumorosissimi, come se fossero a casa. E Milano per un giorno si è trasformata in una piccola Francoforte. L’invasione dei tifosi dell’Eintracht era molto attesa e pubblicizzata (nel bene e nel male), una cosa mai vista per un match degli ottavi di finale di Europa League: 13.500 persone, forse 15.000, arrivate dalla Germania per spingere nell’impresa Jovic e soci. Hanno preso possesso di piazza Duomo dal mattino e poi fatto un corteo gigantesco sino al Meazza; hanno colorato di bianco, rosso e nero la città e poi occupato una bella fetta di San Siro (forse un po’ troppo grande…), urlando già due ore prima della partita e non smettendo un attimo di cantare e saltare, «arrampicati» praticamente nell’intero terzo anello, ad eccezione della porzione sopra la Curva Nord. Tutto sotto l’occhio delle forze dell’ordine: circa 1.500 agenti, poliziotti, carabinieri e finanzieri, che hanno seguito passo dopo passo l’esodo tedesco. Diventato ovviamente una festa con il pass dei quarti di finale in tasca.

ALTO RISCHIO – La partita per l’Eintracht era storica. Nessuno voleva mancare, ecco perché dopo il sorteggio in meno di 24 ore il club tedesco aveva ricevuto richieste per 20mila biglietti. Ne sono arrivati di meno, ma comunque la trasferta in casa Inter è diventata quella con più tifosi, dopo il viaggio di Bordeaux nel 2013 con 12mila persone al seguito. La partita, per la quantità di tedeschi in trasferta e per questioni di inimicizie tra curve e recentissimi precedenti in Italia, era stata battezzata «ad alto rischio» dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. Da un lato gli ultrà dell’Eintracht, con particolare attenzione a un gruppo di 3-400 esponenti della curva considerati molto pericolosi (seguiti da agenti della Digos in borghese) e affiancati dai tifosi dell’Atalanta, che sono gemellati con i tedeschi e nemici degli interisti; dall’altro la Nord del Meazza, rinforzata dagli amici laziali. «Saliti» a Milano in risposta agli ultrà dell’Eintracht, che avevano occupato e saccheggiato il centro di Roma prima della partita di metà dicembre, scontrandosi con le forze dell’ordine.

CORTEO – I tedeschi  si sono radunati di buon mattino in piazza Duomo e là, accompagnati da generose scorte di birra e aggirando il divieto di vendita di alcolici, hanno banchettato. Attorno alle 16, è iniziato l’insolito corteo verso San Siro, con almeno 7mila tifosi Eintracht che hanno deciso di farsela a piedi intasando mezza città. Poi quello che è successo dentro lo stadio è diventato storia. Almeno per loro.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE