Handanovic rinnova, ma con un nuovo vice: l’Inter ha due opzioni – TS

Articolo di
16 Marzo 2020, 09:56
Samir Handanovic Inter-Torino
Condividi questo articolo

“Tuttosport” spiega che l’Inter punterà ancora su Handanovic come primo portiere, ma cambierà il suo vice dopo aver vissuto un mese difficile con Padelli.

TITOLARE CON RINNOVO – L’Inter non ha dubbi su chi sarà il portiere per la prossima stagione: Samir Handanovic. Il capitano, nonostante le quasi 36 primavere, nelle ultime due stagioni è migliorato ancora di più, fra i pali, ma soprattutto nel gioco con i piedi. Un rendimento altissimo che porterà il club a rinnovargli il contratto di un’ulteriore stagione, dal 2021 al 2022. Sarà lui il titolare, non si discute. Piuttosto cambierà la strategia alle sue spalle.

CAMBIO DI SECONDO – L’Inter, infatti, dopo aver vissuto un mese in difficoltà senza Handanovic, con Daniele Padelli che ha alternato prove discrete ad altre dove è apparso in difficoltà (anche a causa dello scarso utilizzo nelle precedenti tre annate), ha deciso che dalla prossima stagione adotterà la linea che già altri club importanti della Serie A hanno intrapreso da tempo. Il simbolo è chiaramente la Juventus che ha in Szczesny e Buffon due portentosi numeri 1, ma anche il Milan (Donnarumma e Reina) e il Napoli (Ospina e Meret). Secondo Marotta pure nel ruolo di portiere l’Inter dovrà avere due titolari, anche se nessuno metterà in discussione il ruolo di Handanovic (Padelli, se rinnoverà, diventerà il terzo al posto di Berni). Dietro di lui, però, ci dovrà essere un portiere più pronto, capace magari di dare il cambio allo sloveno prima di un impegno di Champions o farlo rifiatare senza problemi in Coppa Italia. L’Inter ha due opzioni davanti a sé, una a costo zero, l’altra più impegnativa.

FATTO IN CASA – La prima, la più scontata, conduce al rientro alla base di Ionut Andrei Radu, 22 anni (classe 1997). Il portiere rumeno tra il 2013 e il 2017 è cresciuto fra Interello e Pinetina, prima di iniziare il suo percorso da professionista che l’ha portato nel ’18-19 a difendere i pali del Genoa. L’Inter col club di Preziosi ha effettuato diverse operazioni di mercato su Radu, l’ultima l’estate scorsa con i nerazzurri che hanno riacquisto il portiere per 10 milioni, lasciandolo poi in prestito in rossoblù. Dopo un girone d’andata comunque positivo, Radu è stato retrocesso al ruolo di riserva quando è arrivato Perin. Situazione che all’Inter e al giocatore non andava più bene, con la scelta quindi di spostare il ragazzo a Parma dove nel frattempo si era infortunato Sepe. Operazione sfortunata, perché Handanovic il 31 gennaio si è infortunato e Radu è finito a fare la riserva anche al Parma (D’Aversa gli ha finora preferito il 28enne Colombi). A fine stagione Radu tornerà alla base (pare che Conte e il suo staff lo stimino molto). La sensazione è che sarà lui il vice di Handanovic, anche perché essendo cresciuto nel vivaio potrà liberare un posto in lista potendo occupare uno dei quattro riservati ai giocatori formati nel club.

ACQUISTO – Ma c’è pure un’altra strada. Ovvero prestare ancora Radu e puntare su un vice con maggiore esperienza. Il profilo individuato è quello dell’argentino Juan Musso dell’Udinese (25 anni, 1994), titolare in Serie A da due stagioni. Ovviamente, però, in questo caso Marotta e Ausilio dovrebbero mettere in conto un investimento importante, di almeno 20 milioni.


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato

Google News News Nows Inter News App per Android GRATIS! Inter News App per iOs GRATIS!


tifointer






ALTRE NOTIZIE