Hakimi: “Inter passo importante per la mia carriera. Obiettivo? Vincere”

Articolo di
9 Settembre 2020, 16:28
Achraf Hakimi Inter Achraf Hakimi Inter
Condividi questo articolo

Achraf Hakimi intervenuto nel corso di una diretta su “YouTube” (QUI la prima parte dell’intervista) per rispondere alle domande poste dai tifosi nerazzurri. Il nuovo esterno nerazzurro ha parlato delle sue aspettative per la stagione

STORICO – Hakimi parla a proposito dell’Inter e della possibilità di essere l’erede di Maicon: «Conoscevo qualche giocatore dell’Inter? Di questa stagione conosco tutti. Ma anche in passato, quando hanno vinto la Champions League nel 2010: è un club storico che mi ha sempre ispirato. È un club che conoscono tutti. Erede di Maicon? La verità è che è un esterno impressionante, spero tanto di fare la mia strada e di creare la mia leggenda ed essere ricordato in questo club».

OPPORTUNITA’ – Hakimi parla delle prospettive per la stagione e di cosa significa per lui essere approdato all’Inter: «Quando mi ha cercato l’Inter? Ho pensato che era un’ottima opportunità per crescere come calciatore, è un club storico con i tifosi che vivono in maniera speciale il calcio. È un passo importante per la mia carriera, un grande ambiente e la gente lo vive così. Obiettivi per la stagione? Vincere lo scudetto, che non si vince da tanto. Voglio portare gioia ai tifosi. Poi vogliamo bene in Champions League».

IDOLO –  Hakimi parla del momento migliore della sua carriera: «Momento migliore della carriera? Quando ho vinto la Champions League con il Real Madrid, una cosa che sognavo da bambino. Anche giocare il mondiale con la Nazionale. Idolo da bambino? L’ho sempre detto: Marcelo. Le sue caratteristiche, il suo modo di essere, mi è servito per capire che è una grande persona. Lo seguo tanto. Squadra per cui tifavo da bambino? Ho sempre tifato per il Real Madrid».

CRESCITA – Hakimi, infine, parla delle differenze tra Serie A e Bundesliga: «Differenze fra Serie A e Bundesliga? Penso che la differenza sia tattica, qui migliorerò di più. Si usa più tattica che in Germania. Derby di Milano? Mi auguro che possiamo vincere e che possiamo far contenti i tifosi, ci auguriamo che Milano sia nerazzurra. Un messaggio ai tifosi? Dico che sono qui per dare il meglio di me, per godermela, e spero che quest’anno sia positivo e che si possa festeggiare qualche titolo».

 


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE