Gran feeling tra Rafinha e l’Inter, lui è pronto a forzare – CdS

Articolo di
27 maggio 2018, 11:48
Rafinha Udinese-Inter

Il “Corriere dello Sport” spiega che il grande feeling che si è sviluppato tra l’Inter e Rafinha sarà decisivo per orientare il futuro del brasiliano. Un sentimento assolutamente reciproco.

STIMA RECIPROCA – Rafinha non ha scoperto dalle parole di Spalletti in conferenza che l’Inter non era nelle condizioni di riscattarlo. Era già stato informato in precedenza. Un atto dovuto, nei confronti di un giocatore che si è calato alla grande nella realtà nerazzurra e che è anche stato decisivo per la conquista della Champions. Stima e apprezzamenti, peraltro, sono stati reciproci. Nel senso che anche Rafinha si è trovato in maniera straordinaria nell’universo Inter, allacciando stretti rapporti con diversi compagni e facendosi apprezzare da tutti.

PARLA THIAGO – Quale sia il suo stato d’animo, lo ha fatto intendere anche suo fratello Thiago Alcantara: «Se deve restare a Milano? Rafa aveva bisogno di sentirsi importante all’interno di una squadra. Era reduce da un grave infortunio e ha dovuto lottare duramente per essere un giocatore chiave. Deve decidere l’opzione migliore, ma se è felice in un posto non c’è bisogno di cambiarlo».

INTER NEL CUORE – Esattamente da qui nasce la sua disponibilità ad attendere. Su Instagram, ieri, ha pubblicato un’immagine di sé assai pensieroso, accompagnata solo da una nuvoletta, come nei fumetti. Ma solo il fatto che indossasse tutate e maglia dell’Inter vale come un indizio. Assolutamente plausibile inoltre che, in caso di necessità, si metta in prima persona a pressare o addirittura a cercare di forzare la mano al Barcellona. Rafinha in questi mesi è stato fondamentale non solo dal punto di vista tecnico, ma anche per lo spirito positivo che ha trasmesso al gruppo. Il suo esempio ha contribuito a non far precipitare la situazione nel momento più nero del- la stagione. E da lì è cominciata la risalita. Inoltre, venendo dal Barca, per lui la Champions non ha segreti, a differenza di molti attuali nerazzurri.







ALTRE NOTIZIE