Mondo Inter

Giulini: “Serie A, campionato da concludere. Nainggolan? Difficile rimanga”

Tommaso Giulini, presidente del Cagliari, intervenuto sulle frequenze di “Radio Radio” nel corso della trasmissione “Radio Radio Lo Sport”, ha parlato della ripresa della Serie A e di Nainggolan.

RIPRESATommaso Giulini, intervenuto su “Radio Radio”, ha toccato vari temi riguardanti la ripresa della Serie A. Queste le sue parole: «Il punto principale è che questi campionati vanno assolutamente portati a termine. In particolare la Serie A e la Serie B. Quello che mi lascia ancora molto perplesso è questa situazione legata alle due settimane di quarantena di tutta una squadra qualora fosse trovato un positivo. Questa è qualcosa che oggi viene applicato solo in Italia a livello europeo e che ovviamente mette a rischio l’eventuale termine regolare dei campionati. Quindi credo che quello deve essere il punto principale di oggi sul quale oggi bisogna ancora discutere prima di ripartire è quella di terminare il campionato. Fortunatamente la curva dei contagi sembra aiutarci. Quindi credo che quello debba essere il focus principale: terminare con quelli che saranno i verdetti. Non vedo per quale motivo questi campionati non dovrebbero terminare. L’unico motivo potrebbe essere questa problematica della quarantena».

DIRITTI TV – Giulini parla dell’annosa questione sui diritti TV ed esprime la posizione del Cagliari sulla questione retrocessioni bloccate: «Il campionato comincerà e terminerà, lo auguriamo tutti. Di conseguenza mi auguro che le partite vengano regolarmente trasmesse da Sky e DAZN. E di conseguenza vengono rispettati gli impegni nei confronti delle squadre che oggi sono in ginocchio. Retrocessioni bloccate? Non conosco le dinamiche del Consiglio Federale. Posso ripetere quella che è la posizione del Cagliari e di altre società è che dobbiamo fare di tutto per terminare questo campionato. Qualora non dovesse terminare, per quanto riguarda lo scudetto, se non fosse matematico non verrebbe assegnato. Per le retrocessioni vale lo stesso principio: se la terza classificata in Serie B non potesse essere decretata senza i play-off non sarebbe corretto farla salire in Serie A».

PROTOCOLLO – Giulini parla del protocollo stilato per la ripresa della Serie A: «Protocollo? Il problema è principalmente quello, non poter concludere il campionato. Oggi il punto di partenza è insicuro. Pur non essendo un medico o un virologo, io ritengo assolutamente inadeguato pensare che nel caso di una positività tutto un gruppo debba andare in quarantena per due settimane. Questo in sostanza non permette molto probabilmente al campionato di terminare. Questo, per altro, non avviene in nessun altro paese europeo. Mi chiedo che cosa abbia di così particolare l’Italia. Spero che il Comitato tecnico scientifico si possa convincere di questa cosa. In Italia il gruppo squadra allargato, inclusi massaggiatori e magazzinieri, fanno tamponi ogni quattro giorni. Quindi potete immaginare che se noi troviamo un massaggiatore positivo abbiamo la ragionevole certezza, avendo il resto del gruppo fatto tamponi ogni quattro giorni, che il resto della squadra positivo non lo sia, o che comunque difficilmente possa esserlo. Quindi per quale motivo costringere tutta la squadra ad una quarantena di due settimane se facciamo i tamponi ogni quattro giorni. In Lega sono abbastanza basiti sull’argomento».

MERCATO – Giulini, infine, parla di Radja Nainggolan in prestito dall’Inter: «Nainggolan? Difficile trattenerlo. Fa gola a molti club, potrebbe rientrare nella rosa dell’Inter che ne detiene il cartellino. Noi stiamo alla finestra, ma non posso essere molto ottimista a riguardo».

© Inter-News.it - Il presente contenuto è riproducibile solo in parte, non integralmente, inserendo la citazione della fonte (Inter-News.it) e il link al contenuto originale

Articoli correlati

Back to top button

Rilevato Ad Block

Inter-News offre un servizio gratuito ai suoi lettori, a cui non chiediamo nulla, e si regge solo sulla raccolta pubblicitaria. Se usi un Ad Blocker ci impedisci di reperire i fondi necessari al mantenimento della struttura e al pagamento della redazione. Per cortesia, se ti piace Inter-News, disabilita il tuo Ad Blocker per questo sito. Grazie e buona lettura.