Giordano: “Lautaro Martinez? ’97 più forti non ne vedo! Inter, peso levato”

Articolo di
19 Agosto 2020, 00:47
Bruno Giordano Bruno Giordano
Condividi questo articolo

Lautaro Martinez ha aperto il discorso in Inter-Shakhtar Donetsk, col gol al 19′ che ha indirizzato la semifinale. All’indomani della goleada di Dusseldorf l’ex attaccante Bruno Giordano, intervenuto in collegamento durante “Maracanà” su “TMW Radio”, ha parlato dei miglioramenti dei nerazzurri col numero 10 accanto a Lukaku.

DUE PUNTE MEGLIO DI UNA!Bruno Giordano commenta Inter-Shakhtar Donetsk: «Ha fatto una partita perfetta, ha capito il lato debole dello Shakhtar Donetsk che continuava a giocare con il portiere. Lautaro Martinez è straordinario: l’Inter è cambiata, levandosi un peso come Mauro Icardi e trovando un giocatore che farà una carriera fantastica. Lautaro Martinez ha grande cattiveria, ha tecnica e tattica, ha fatto fare il gol a Romelu Lukaku: è un giocatore che, se sta bene mentalmente, nel giro di uno o due anni sarà fra i primi cinque-sei giocatori al mondo. Poi l’aspetto fondamentale è che un giocatore come Christian Eriksen, straordinario, entra a cinque minuti dalla fine ed è parte del gioco. Mandi dentro Sebastiano Esposito e trenta secondi te li fa alla grande, come esperienza. Eriksen entra a dieci minuti dalla fine, sul 3-0, e lo fa con lo spirito giusto».

ANCORA QUALCHE PASSO – Giordano parla dell’approccio alla prossima stagione: «L’Inter è sulla strada giusta. Non deve aggiungere tantissimo, perché ormai ha capito il materiale che ha fra le mani. Cosa manca? Un centrocampista al pari di Nicolò Barella, dall’altra parte, e un po’ di tecnica dalla parte destra. Antonio Candreva e Danilo D’Ambrosio stanno facendo una grande stagione, ma in Champions League devi incidere di più: Achraf Hakimi è perfetto. Io ’97 più forti di Lautaro Martinez non ne vedo, se la gioca con Gabriel Jesus ma penso che sia più bravo: abbina quel pizzico di cattiveria in più. La prodezza più bella che fa durante la partita è quando il portiere gli para il pallonetto, perché guarda il portiere prima di farlo: è una cosa tecnica e tattica straordinaria».

LOTTA SERRATA? – Giordano chiude sul duello “chiamato” per il 2020-2021: «Questo fine stagione ha dato più certezze all’Inter, ma la Juventus non penso che farà fare una figuraccia ad Andrea Pirlo mettendogli a disposizione il nulla. Vorranno vincere questo decimo scudetto e non vorranno bruciare il loro patrimonio che hanno, che è Pirlo. L’Inter in questa stagione si è già ritrovata, e ha fatto degli acquisti mirati».


Seguici e scarica le nostre APP per restare sempre aggiornato



tifointer





ALTRE NOTIZIE