Gambaro ‘gioca’ il derby: “7 dell’Inter e 4 del Milan, Gattuso in panchina!”

Articolo di
18 ottobre 2018, 19:09
Enzo Gambaro

Enzo Gambaro, ex calciatore del Milan e opinionista di Novastadio su Telenova, ha scelto i suoi 11 ideali di Inter-Milan: prevalenza di nerazzurri ma tra questi non c’è Luciano Spalletti

DIFESA INTER, TRANNE LA PORTA!Enzo Gambaro ha giocato in anticipo il derby tra Inter e Milan, scegliendo ruolo per ruolo i suoi giocatori preferiti con annessi commenti senza mezzi termini: «Samir Handanovic non lo prenderei neanche come portiere in albergo, scelgo Gianluigi Donnarumma che anche se non mi fa impazzire almeno ha margini di miglioramento. A destra, Sime Vrsaljko è piu bravo e più duttile di chiunque giochi nel Milan tra Ignazio Abate e Davide Calabria anche se reduce da un infortunio. Tra i difensori centrali preferisco Milan Skriniar a Mateo Musacchio nonostante abbia giocato 180 minuti in Nazionale e Stefan de Vrij ad Alessio Romagnoli, quest’ultimo mi ha deluso parecchio, prometteva bene ma è in caduta libera. A sinistra, Kwadwo Asamoah meglio di Ricardo Rodriguez che è inguardabile e scarso

CENTROCAMPO MILAN, TRANNE LA TREQUARTI – Gambaro continua con la sfida a centrocampo: «L’Inter è una squadra forte che deve arrivare almeno terza quest’anno ma a centrocampo è veramente imbarazzante, Roberto Gagliardini l’ho visto sbagliare ultimamente un gol allucinante, inciampa da solo, scelgo Franck Kessié che almeno corre e si propone. Marcelo Brozovic nell’ultimo anno è migliorato molto ma scelgo Lucas Biglia perché tatticamente efficace anche se non si vede molto. Poi preferisco Radja Nainggolan a Giacomo Bonaventura, anche se non considero il belga un centrocampista perché gioca dalla trequarti in su

ATTACCO INTER, TRANNE LA DESTRA – Gambaro prosegue con la sfida tra attaccanti, potenzialmente decisiva nel derby: «A Matteo Politano preferisco Suso che fino a un mese fa era un giocatore da spiaggia di Copacabana, prendeva palla per accentrarsi e ignorava l’attaccante ma ora grazie a Gonzalo Higuain che sa dettargli i movimenti è migliorato. Poi tra Ivan Perisic e Hakan Calhanoglu scelgo il primo anche se entrambi sono in un momento pessimo, però il potenziale dell’interista è superiore a quello del milanista. Infine preferisco Mauro Icardi a Higuain perchè quest’ultimo aveva potenziale ma si è dimostrato campione solo nei campionati nazionali al contrario che con l’Argentina e a livello internazionale. Icardi non ha avuto ancora la possibilità di misurarsi a certi livelli ed essendo già un campione a livello nazionale può anche andare oltre rispetto a quanto fatto da Higuain

GATTUSO MEGLIO DI SPALLETTI – Infine la scelta dell’allenatore: «Non c’è confronto, meglio Gennaro Gattuso! Luciano Spalletti capisce di calcio ma non è in grado di gestire la grande squadra nei momenti importanti e sta limitando l’Inter: non si può tenere Lautaro Martinez in panchina quando nel suo ruolo, in appoggio a Icardi, può essere devastante







ALTRE NOTIZIE