Esposito, il deb da record che vive attorno al pallone – GdS

Articolo di
16 marzo 2019, 10:58
Sebastiano Esposito Inter-Eintracht Francoforte

La “Gazzetta dello Sport” si occupa di Sebastiano Esposito, giovane attaccante classe 2002 che Spalletti ha fatto esordire con l’Eintracht. L’emozione per la prima presenza è stata incontenibile.

PALLONE AL CENTRO – L’idolo è Totti, l’amico «compaesano» gioca in porta al Milan, un fratello lo ha preceduto nel settore giovanile nerazzurro, un altro lo segue. La giovane vita di Sebastiano Esposito, classe 2002, esordiente giovedì nella serata poco di grazia dell’Europa League, ha sempre avuto come centro nevralgico il pallone. In famiglia si è raramente considerato altro. Anche per questo, le reazioni all’esordio non sono state pacate. «È il giorno più bello della mia vita», ha scritto lui sui social. «Quando è entrato in campo, a casa davanti alla tv abbiamo pianto tutti», ha commentato il padre Agostino, un passato nelle giovanili del Napoli, ex allenatore alla Juve Stabia.

CHE NUMERI – Non sono i soli ad aver vissuto emozioni forti: i tifosi, nelle depressione generale, hanno avuto un sussulto. Il ragazzo, del resto, fa questo effetto: colpisce. Ha iniziato l’anno con l’Under 17 (16 gol in 14 partite), è stato «promosso» in Primavera (5 reti in 12 presenze, coppe comprese), contro l’Eintracht ha battuto primati con quei 18’ più recupero fra i grandi a 16 anni e 255 giorni. Più giovane debuttante di sempre dell’Inter nelle coppe europee, secondo assoluto dopo Bergomi (che iniziò in Coppa Italia), primo 2002 a giocare in una squadra di A, 5° esordiente più giovane di sempre in Europa League: tutte statistiche che quasi oscurano Davide Merola, l’altro deb.

Inter-news.it - Google News Inter-news.it - New Now





ALTRE NOTIZIE